Sei qui: Home » Libri » Critici » Sul Corriere, la lettura di Paolo Giordano del romanzo di Elizabeth Strout ”I ragazzi Burgess”

Sul Corriere, la lettura di Paolo Giordano del romanzo di Elizabeth Strout ”I ragazzi Burgess”

LA CRITICA QUOTIDIANA - Paolo Giordano presenta, dalle pagine del Corriere della Sera, ''I ragazzi Burgess'', il nuovo romanzo della scrittrice statunitense Elizabeth Strout, in uscita per Fazi. Nel suo nuovo lavoro, l'autrice descrive una complessa vicenda famigliare, che vede al centro i destini incrociati e le aspirazioni di tre fratelli che ritrovano i loro valori comuni...
Lo scrittore presenta il nuovo lavoro dell’autrice americana, un romanzo alla scoperta dei valori e delle radici famigliari
LA CRITICA QUOTIDIANA – Paolo Giordano presenta, dalle pagine del Corriere della Sera, “I ragazzi Burgess”, il nuovo romanzo della scrittrice statunitense Elizabeth Strout, in uscita per Fazi. Nel suo nuovo lavoro, l’autrice descrive una complessa vicenda famigliare, che vede al centro i destini incrociati e le aspirazioni di tre fratelli che ritrovano i loro valori comuni. 
 
LA RISCOPERTA DEI LEGAMI FAMIGLIARI – “I ragazzi Burgess” ha come protagonisti tre fratelli, Jim, Bob e Susan, accomunati dal terribile destino di aver ucciso involontariamente, quando erano bambini, durante un gioco, uno dei genitori. Ora che sono adulti, Jim e Bobn sono fuggiti dal Maine e dai suoi ricordi, rifugiandosi nella Grande Mela, alla ricerca di un nuovo presente e di un miglior futuro “Elizabeth Strout non si era mai arrischiata troppo lontana dal mondo schematico della provincia, quel mondo che per lei è stato dell’infanzia e della formazione, mentre adesso affronta il la metropoli per eccellenza, con tutte le sue complicazioni”. Susan è rimasta invece fedele al gelido Maine, rimproverando ai fratelli di aver tradito il luogo che li ha cresciuti. Susan si trova tuttavia costretta a chiedere aiuto ai fratelli, a causa dei guai dei figli. I tre fratelli tornano quindi a condividere preoccupazioni e sentimenti, e scoprono l’indissolubilità del loro legame. “Per Elizabeth Strout siamo tutti ugualmente incapaci di fare i conti con il passato che ci segna, restiamo ammutoliti, e anche i Burgess non hanno mai parlato di ciò che è successo, nemmeno ora che sono adulti e vivono ognuno per conto proprio” 
 
EMOZIONI, FAMIGLIA ED AMBIENTE – Il nuovo romanzo di Elizabeth Strout è molto più complesso rispetto ai precedenti. Raccoglie al suo interno infatti una trama fitta e ricca di emotività. Si parte dalla complessa storia dei tre fratelli Burgess Jim, Bob e Susan, uniti dal macabro distino per arrivare a parlare  in modo più ampio della storia americana “I ragazzi Burgess osa avere un punto di vista forte sull’oggi, su tutto ciò che è contemporaneo della vita borghese, in America ma non soltanto”. Il nuovo obiettivo della scrittura dell’autrice pare essere proprio quello di fondere emozioni, famiglia e ambiente, allargando il cosiddetto “raggio di empatia che, fino ad includere chi sta davvero molto lontano dalla nostra compassione e comprensione”. 
 
4 giugno 2013
 
© RIPRODUZIONE RISERVATA

© Riproduzione Riservata