Sei qui: Home » Libri » Critici » Sul Corriere, il nuovo romanzo di Silvia Avallone visto da Aldo Grasso

Sul Corriere, il nuovo romanzo di Silvia Avallone visto da Aldo Grasso

LA CRITICA QUOTIDIANA – Dalle pagine di cultura del Corriere della Sera, Aldo Grasso presenta il nuovo libro di Silvia Avallone, l'autrice di ''Acciaio'', di nuovo in libreria a partire dal 18 settembre con ''Marina Bellezza''...
L’autrice di “Acciaio” tornerà in libreria il 18 settembre con un nuovo romanzo, “Marina Bellezza”, una storia d’amore ambientata nel mondo della provincia biellese
 
LA CRITICA QUOTIDIANA – Dalle pagine di cultura del Corriere della Sera, Aldo Grasso presenta il nuovo libro di Silvia Avallone, l’autrice di “Acciaio”, di nuovo in libreria a partire dal 18 settembre con “Marina Bellezza”.
 
LA PROVINCIA COME LUOGO DELL’ANIMA – Il romanzo è una storia d’amore ambientata nella provincia, ma non è un inno, bensì la ricostruzione di un necessario “luogo dell’anima”, scrive Grasso, che dà un senso peculiare alla vicenda. La provincia è un destino, impresso nei personaggi e nel corso delle vicende. “Se non ci fosse la Valle Cervo a proporsi come location […], se il lettore non venisse trascinato per quelle strade provinciali dove è frequente imbattersi in animali selvatici, se i televisori non fossero perennemente sintonizzati su qualche canale tv locale […], questa possente storia d’amore rischierebbe una crisi d’identità”.
 
LA LOTTA DEI PROTAGONISTI CONTRO IL LORO DESTINO – A incarnare le due facce di questo mondo sono Andrea e Marina. Lui è il figlio del sindaco, di famiglia ricca, bibliotecario part time con il sogno di ereditare la malga del nonne e allevare mucche, restando per tutta la vita in quel piccolo cosmo. Lei abita di fronte ad Andrea, di famiglia povera, è però bellissima e dotata di una voce incantevole. Il suo sogno è andarsene, avere successo. Lui coltiva la solitudine, lei ama la folla e vorrebbe essere come Lady Gaga, Rihanna,  Britney Spears. “Si fanno grandi sogni in provincia, ci sono tante storie di provincia: Andrea sogna di risalire la montagna, di fare il margaro, come suo nonno; Marino sogna il successo, Milano, ‘X-Factor’, l’America. Entrambi sognano di sfuggire  al loro destino, com’è giusto, come sarebbe giusto”. Due diverse direzioni eppure lo stesso senso della lotta.
 
LA STORIA D’AMORE – Di questi giochi di opposti si nutre il loro amore. “I due si piacciono, si attraggono e si respingono come due calamite”, scrive ancora Grasso: “quando il polo nord incontra il polo sud l’avvicinamento è furioso, irresistibile, animalesco; ma quando il polo nord incontra l’altro polo nord l’avversione è totale e violenta”. Il tono della storia tuttavia non è melodrammatico, ma stemperato dallo sguardo ironico rivolto al mondo della provincia, alle sua tv locali, alle sue feste di paese, alle sue sagre e al suo immaginario semplice.
12 settembre 2013
© RIPRODUZIONE RISERVATA

© Riproduzione Riservata
Commenti
Precedente

FlashBack dell’11 settembre 2001

Premio Nazionale di Letteratura Neri Pozza, ecco la cinquina dei finalisti

Successivo

Lascia un commento