Su Repubblica la notizia dei nuovi brevetti di Amazon e Apple per la vendita di ebook usati

RASSEGNA STAMPA QUOTIDIANA – Tra le notizie di interesse riguardanti libri e cultura sui quotidiani di oggi, segnaliamo il servizio di Repubblica firmato da Massimo Vincenzi dedicato alla novità che si profila sul mercato degli ebook. Apple e Amazon hanno infatti presentato due brevetti per la vendita di libri digitali di seconda mano...

La riflessione sulla rivoluzione digitale in editorie occupa le pagine di cultura dei principali quotidiani. Ancora su Repubblica, Roberto Saviano presenta il suo libro-inchiesta sulla cocaina in un articolo a sua firma

RASSEGNA STAMPA QUOTIDIANA – Tra le notizie di interesse riguardanti libri e cultura sui quotidiani di oggi, segnaliamo il servizio di Repubblica firmato da Massimo Vincenzi dedicato alla novità che si profila sul mercato degli ebook. Apple e Amazon hanno infatti presentato due brevetti per la vendita di libri digitali di seconda mano. Il digitale è anche al centro dell’articolo di Serena Danna sul Corriere della Sera – in cui la giornalista presenta il libro di Gianni Riotta “Il web ci rende liberi?”, uscito oggi per Einaudi – e dell’articolo di Massimo Arcangeli su Il Messaggero. Il giornalista presenta qui la nuova collana di Zanichelli dedicata a scritture brevi composte con il web e le nuove tecnologie. Evidenziamo inoltre, su Repubblica, la pagina a firma di Roberto Saviano in cui il giornalista e scrittore presenta il suo libro-inchiesta sulla cocaina, “ZeroZeroZero”, in uscita per Feltrinelli.


NUOVE VIE DELLA RIVOLUZIONE DIGITALE
– La notizia riportata da Vincenzi ha già suscitato una tempesta di reazioni nel mondo editoriale anglosassone. Come spiega il giornalista, “adesso quando compro un ebook in realtà lo affitto, perché i diritti non sono miei e la vendita ne è severamente proibita. Grazie ai nuovi sistemi (con i servizi iCloud o la cessione dei file) invece posso decidere di vendere il romanzo che ho letto, fisso il prezzo, che sarà ovviamente più basso, e infine ne perdo il diritto di accesso […]”. Un brutto affare per editori e scrittori. Il sito Motherboard, dedicato agli appassionati di tecnologia, titola la notizia “Libri usati digitali: l’idea ridicola che potrebbe distruggere l’editoria”, e anche Scott Turow, citato da Vincenzi, commenta: “Questa innovazione rischia di mandare tutto in frantumi”. A queste voci fa eco quella di Bill Rosenblatt, presidente di un’importante società di consulenza tecnologica, sul New York Times: “Il problema è che la diminuzione del costo potrebbe portare effetti drammatici sulla creatività”, riporta Vincenzi nel suo articolo. Ma perché Amazon dovrebbe fare una mossa tanto azzardata e rischiosa per un mercato, quello editoriale, che gli procura tanti guadagni? A spiegarlo è ancora Rosenblatt: “Un mercato di seconda mano […] potrebbe dare un grande impulso all’altra sua attività crescente, quella di editore. […] Amazon potrebbe dire agli autori: ehi, venite con noi e vi daremo accesso ad una parte delle vendite di seconda e terza mano”. A essere felici della novità sono invece le biblioteche, che potrebbero così possedere e prestare numerosi libri digitali che allo stato attuale delle cose non possono tenere. Si tratta di una nuova rivoluzione inarrestabile che il futuro ci riserva? Risponde affermativamente Marco Ferrario, fondatore di Bookrepublic e ideatore di IfBookThen, in un’intervista rilasciata ad Jaime D’Alessandro e apparsa oggi come articolo di spalla accanto al servizio di Vincenzi. “Il diritto d’autore verrà finalmente riscritto”, afferma Ferrario. Secondo lui si troveranno altre entrate a compensare le perdite per editori e scrittori e si sperimenteranno nuove forme di scrittura.

IL LIBRO DI GIANNI RIOTTA E LA NUOVA COLLANA ZANICHELLI – Sulla rivoluzione digitale riflette anche Serena Danna sul Corriere della Sera, attraverso la lettura del libro “Il web ci rende liberi” di Gianni Riotta, editorialista della stampa e docente di new media alla Princeton University. Secondo Riotta questa rivoluzione non è un prodotto delle nuove tecnologie, ma di una nuova mentalità affermatasi nella società: è questa, anzi, che ha generato le nuove tecnologie e i nuovi media come strumenti adatti alla propria espressione. Su Il Messaggero, invece, Massimo Arcangeli presenta tre guide alla scrittura creativa prodotta attraverso i nuovi media: “Scrivere nella rete” di Stephan Porombka, “Scrivere idee” di Hanns-Josef Ortheil e “Scrivere giorno dopo giorno” di Christina Schärf. Questi i titoli che inaugurano la nuova collana di Zanichelli, “Scritture creative”, dedicata alle scritture digitali.


IL LIBRO-INCHIESTA SULLA COCAINA DI SAVIANO
– Nella pagina a sua firma su Repubblica, Roberto Saviano illustra alcuni dati che emergono dalla sua inchiesta sulla cocaina, di cui si potranno conoscere i dettagli all’uscita del libro “ZeroZeroZero”. “Se avessi investito mille euro in azioni Apple all’inizio del 2012”, scrive Saviano, “ora ne avresti milleseicentosettanta. Non male. Ma se avessi investito mille euro in coca all’inizio del 2012, ora ne avresti centottantaduemila: cento volte di più che investendo nel titolo azionario record dell’anno”. E ancora: “Ci sono moltissimi angoli del mondo che vivono senza ospedali, senza web, senza acqua corrente, ma non senza cocaina”. Al vertice di questo giro di affari, naturalmente, pochissimi Rockfeller che gestiscono le vendite e i prezzi. Alla base della piramide, invece, intere popolazioni di sfruttati e Paesi condannati alla povertà.

L’ADDIO A LUCIO LAMI – Tra le altre notizie, segnaliamo la pagina a firma di Mario Cervi con cui il Giornale omaggia Lucio Lami. Inviato speciale de il Giornale negli anni di Montanelli e poi dal 1996 direttore de L’indipendente, Lami si è spento la notte scorsa a Milano. A rivolgergli un addio è anche il Corriere della Sera, in una breve a firma di Pierluigi Panza.

 

2 aprile 2013

 

© RIPRODUZIONE RISERVATA

© Riproduzione Riservata
Commenti