Sei qui: Home » Libri » Critici » Su Libero, il ricordo di Francesco Specchia del maestro dell’horror Richard Matheson

Su Libero, il ricordo di Francesco Specchia del maestro dell’horror Richard Matheson

LA CRITICA QUOTIDIANA - Dalle pagine di Libero di oggi, Francesco Specchia dedica un sentito ricordo a Richard Matheson, il celebre romanziere americano, maestro dell'horror e della fantascienza, scomparso pochi giorni fa, all'età di 87 anni. Matheson lascia una grandissima eredità di opere che spaziano dalla letteratura al cinema, tutte accomunate da un unico fil rouge: paura e terrore...

Il giornalista ricorda la carriera del celebre romanziere e sceneggiatore americano scomparso pochi giorni fa all’età di 87 anni

LA CRITICA QUOTIDIANA – Dalle pagine di Libero di oggi, Francesco Specchia dedica un sentito ricordo a Richard Matheson, il celebre romanziere americano, maestro dell’horror e della fantascienza, scomparso  pochi giorni fa, all’età di 87 anni. Matheson lascia una grandissima eredità di opere che spaziano dalla letteratura al cinema, tutte accomunate da un unico fil rouge: paura e terrore. 

GRANDE SCRITTORE DEL XX SECOLO – Richard Matheson ha fatto la storia della letteratura e della sceneggiatura horror in America e nel mondo. Nato nel 1926 nel New Jersey, divenne narratore di romanzi gialli, di horror, fantasy e western. La sua morte è stata annunciata al mondo che l’ha tanto venerato da un tweet della figlia. E’ stato definito da alcuni dei suoi allievi, tra cui Ray Bradbury e Sthephen King come “uno degli scrittori più importanti del XX secolo”.  Nel campo della narrativa, impossibile non ricordare “Io sono leggenda”, il racconto dell’ultimo uomo sulla Terra assediata dai vampiri.

MAESTRO DI PAURA E TERRORE – “Io credo che la paura e il terrore siano due cose differenti: il terrore raggela lo spirito, mentre la paura agisce sul cuore. Io sono certo di aver scritto storie di paura, ma spero di aver scritto anche storie di terrore”. Lui stesso amava essere definito maestro del terrore, e i suoi capolavori gli hanno dato ragion d’essere. La carriera di Matheson si è sviluppata anche sul versante cinematografico. Fu proprio lui a scrivere la sceneggiatura del primo film del grande Steven Spielberg, “Duel”. Le sue collaborazioni vantano altri nomi noti del grande cinema, tra cui Hitchcock, per il quale non portò a termine la scrittura del grande capolavoro “Gli uccelli”, ma realizzo molti episodi de “Alfred Hitchcock  presenta”. La sua influenza ha travalicato qualsiasi tipo di confine di genere, passando dalla letteratura e di King e Barker, sino al cinema, registi del calibro di Corman, Burton e Romero.

26 giugno 2013

© RIPODUZIONE RISERVATA

© Riproduzione Riservata
Commenti
Precedente

George Orwell, il suo ”1984” è più che mai attuale

Leggere i cambiamenti di oggi attraverso il libro cult del Sessantotto

Successivo

Lascia un commento