Su il Giornale, Luigi Mascheroni svela segreti e passioni dei grandi scrittori

LA CRITICA QUOTIDIANA - Luigi Mascheroni, dalle pagine del Giornale, presenta ''Come leggere uno scrittore'', il nuovo libro di John Freeman, direttore dell'edizione americana della celebre rivista Granta. Freeman ha raccolto gli aneddoti più curiosi che gli sono stati raccontati dai grandi protagonisti della narrativa mondiale...
Il giornalista presenta il nuovo libro di John Freeman “Come leggere uno scrittore”, un interessante testo alla scoperta di passioni, manie ed ossessioni dei più illustri protagonisti della narrativa mondiale
 
LA CRITICA QUOTIDIANA – Luigi Mascheroni, dalle pagine del Giornale, presenta “Come leggere uno scrittore”, il nuovo libro di John Freeman, direttore dell’edizione americana della celebre rivista Granta. Freeman ha raccolto gli aneddoti più curiosi che gli sono stati raccontati dai grandi protagonisti della narrativa mondiale, fornendo così una panoramica a 360 gradi dello scrittore dei nostri tempi. 
 
L’ALBA COME MOMENTO DI ISPIRAZIONE –  Luigi Mascheroni ha raccolto gli aneddoti più interessanti raccolti all’interno di “Come leggere uno scrittore”, fornendoci una panoramica esaustiva e per certi versi curiosa  del mestiere dello scrittore. Si sa che gli artisti, per definizione, devono seguire l’onda dell’ispirazione, che talvolta coglie all’improvviso, ma spesso segue rigidi schemi. Lo dimostrano le testimonianze di alcuni autori, i quali hanno descritto la routine che caratterizza il loro scrivere. Tom Morris ha rivelato di svegliarsi molto presto la mattina e, con le prime luci dell’alba, iniziare a scrivere, rigorosamente a mano, e proseguire sino a quando riesce a sopportare la fatica di tenere in mano la matita che scorre sulle pagine del suo amato bloc-notes. Anche Oliver Sacks, ormai ottantenne, ha dichiarato di svegliarsi ogni mattina alle 4.30, nuotare, visitare i pazienti, rispondere alle e mail e poi iniziare a scrivere. 
 
ANEDDOTI CURIOSI – Nadine Gordimer, a differenza di altri scrittori insigniti del premio Nobel per la letteratura, non si è mai espressa con testi riguardanti la sua vita privata, motivando così la sua scelta “Penso che le uniche cose della mia vita che possono minimamente interessare agli altri siano i libri che ho scritto” . La coppia di scrittori più conosciuti al mondo, Siri Hustvedt e Paul Auster, i quali vivono insieme da oltre trent’anni in un loft di Manhattan, hanno rivelato di non riuscire a scrivere insieme nella stessa casa, ma di avere bisogno della propria intimità ed ispirazione in spazi diversi. Un aggettivo con cui può invece essere definita Joyce Carol Oates è senza dubbio “previdente”: la scrittore ha infatti dichiarato di essersi munita di una cassettiera a prova d’incendio, all’interno della quale sono riposte tutte le sue opere in attesa di pubblicazione. 
 
14 giugno 2013
 
© RIRPODUZIONE RISERVATA

© Riproduzione Riservata
Commenti