Sei qui: Home » Libri » “Spare. Il minore”, è già record per il libro di memorie del Principe Harry

“Spare. Il minore”, è già record per il libro di memorie del Principe Harry

Uscito in contemporanea mondiale in sedici lingue lo scorso 10 gennaio, "Spare. Il minore" conferma le attese: è già record, con numeri di vendita altissimi. E non mancano i commenti provenienti da tutto il mondo!

È apparso in libreria lo scorso 10 gennaio. I numeri delle prevendite e le anticipazioni sull’opera lasciavano già presagire un successo enorme. “Spare. Il minore“, il memoire del Principe Harry, ormai Duca di Sussex, che racconta al Premio Pulitzer J.R. Moehringer i retroscena della Corona Britannica, è un libro da record. In pochissimi giorni ha scalato le classifiche mondiali ed è entrato nelle classifiche dei libri più acquistati e chiacchierati del momento.

“Spare. Il minore”, un memoire che fa parlare di sé

“È stata una delle più strazianti immagini del Ventesimo secolo: due ragazzini, due principi, che seguono il feretro della madre sotto gli occhi addolorati e inorriditi del mondo intero. Mentre si celebrava il funerale di Diana, principessa del Galles, miliardi di persone si chiedevano quali pensieri affollassero la mente dei principi, quali emozioni passassero per i loro cuori, e come si sarebbero dipanate le loro vite da quel momento in poi.

Finalmente Harry racconta la sua storia. Con la sua cruda e implacabile onestà, “Spare. Il minore” è una pubblicazione epocale. Le sue pagine, dense di analisi e rivelazioni, sono frutto di un profondo esame di sé e della consapevolezza – conquistata a caro prezzo – che l’amore vince sempre sul lutto”.

La sinossi dell’edizione italiana lascia intravedere quale sia il focus di “Spare. Il minore”. Ed è anche naturale che sia così: la perdita di una madre è di per sé uno dei dolori più grandi che un bambino possa sperimentare nel corso della sua infanzia. Se poi al lutto si aggiungono le complicate dinamiche sociali e familiari che hanno investito la Corona Britannica e la figura della compianta Lady Diana Spencer, il quadro è completo.

Il duca di Sussex ci racconta la sua storia a partire dal lutto subito, ci mostra il volto nascosto di personaggi pubblici che ultimamente stanno uscendo allo scoperto svelati da film, serie tv e libri che scavano oltre la pura apparenza. Basti pensare a “The Crown”, la serie dei record che racconta le vicissitudini della Regina Elisabetta II e che, seppur romanzata, ci fa entrare direttamente nei palazzi del potere britannico e nelle vite dei reali.

A differenza di “The Crown”, però, Harry compie un’operazione autobiografica: racconta di sé, della sua famiglia, del suo passato e della sua verità. Da “Spare. Il minore” traspaiono le emozioni di un giovane che non si è mai sentito del tutto all’altezza della sua famiglia e delle aspettative dei genitori. Un giovane che si è sempre sentito un “piano B”, e che con questa pubblicazione ha l’occasione di far sentire la sua voce. Sarà questo che ha garantito il successo dell’opera appena uscita in libreria e di cui è già stato pubblicato anche l’audiolibro?

Un successo annunciato

Le prevendite avevano chiaramente mostrato il gradimento del pubblico mondiale di fronte a “Spare. Il minore”. I numeri delle vendite dei primi due giorni sono impressionanti: sembra infatti che “Spare” abbia già venduto circa un milione e mezzo di copie soltanto nella versione originale in inglese, distribuita in Regno Unito, negli Stati Uniti e in Canada.

Per la casa editrice a cui si è appoggiato il principe Harry, la Penguin Random House, si tratta di numeri mai visti prima. Basti pensare che si tratta di un record assoluto per un libro di saggistica uscito da soli due giorni.

Le critiche e la popolarità di Harry

C’è chi ha già letto tutto il memoire e giudica che il principe Harry troppo focalizzato sul tema del secondogenito posto in secondo piano rispetto al fratello. Molte delle critiche rivolte a “Spare. Il minore” riguardano poi l’assenza di un vero racconto di sé. Dal libro non emerge il ritratto di Harry, bensì quello del fratello, del padre, e della famiglia reale in generale. Come se tutto il libro fosse il pretesto per giustificare certi atteggiamenti e attaccarne altri.

Intanto, i sondaggi in Regno Unito mostrano un clima non del tutto favorevole al duca di Sussex: YouGov ha diffuso i dati di gradimento del Principe Harry e ha evidenziato come ci sia un calo di popolarità del personaggio che è sceso sotto il 30% dei consensi dopo la pubblicazione di “Spare”. A questo dato, tuttavia, occorre aggiungerne un altro: lo stesso sondaggio evidenzia, infatti, che le giovani generazioni apprezzano più i duchi di Sussex e la loro iniziativa di allontanamento dalla Corona rispetto alla Famiglia Reale Britannica.

© Riproduzione Riservata

Lascia un commento