Si chiude con grande successo di pubblico la decima edizione del Pisa Book Festival

Un romanzo giallo ambientato durante la kermesse libraria all'ombra della Torre pendente. Si chiude così, con una sorpresa, la decima edizione del Pisa Book Festival, la manifestazione dedicata al libro indipendente, che si è svolto nella città Toscana dal 23 al 25 novembre...
Si è conclusa ieri la decima edizione del Pisa Book Festival con una sorpresa per i suoi ospiti tutta in giallo

MILANO – Un romanzo giallo ambientato durante la kermesse libraria all’ombra della Torre pendente. Si chiude così, con una sorpresa, la decima edizione del Pisa Book Festival, la manifestazione dedicata al libro indipendente, che si è svolto nella città Toscana dal 23 al 25 novembre. E intanto un primo bilancio finale di tre giorni intensi dedicati all’editoria indipendente con tantissimi ospiti, autori, editori, presentazioni, convegni, incontri: 4.000 mq di libri, oltre 200 eventi, 150 editori, tutto a ingresso libero. Dopo l’Olanda, la manifestazione, promossa dal Comune e dalla Provincia di Pisa e che ha come sponsor principale la Fondazione Pisa, tornerà il prossimo anno con un nuovo Paese ospite.

GIALLO AL PISA BOOK FESTIVAL – Tra le tante novità di quest’anno il Pisa Book Festival è diventato protagonista di un giallo pubblicato in formato ebook. Per festeggiare la decima edizione della fiera dell’editoria indipendente, la casa editrice digitale Siska Editore e l’autrice Stella Robi hanno realizzato "L’enigma di Agata. Giallo al Pisa Book Festival", un testo in formato digitale, che è stato regalato ai visitatori. L’ebook ha per protagonisti tre diciottenni pisani, appassionati lettori e matematici provetti, che, districandosi tra indizi, enigmi e inganni, cercheranno di ritrovare una famosa scrittrice scomparsa e una pietra preziosa rubata.

TEMPO DI BILANCI – “Cinquantasei editori alla prima edizione e centocinquanta a questa – ha dichiarato Lucia Della Porta, direttrice del Pisa Book Festival, a proposito del grande successo di pubblico riscontrato durante questa decima edizione – Dopo dieci anni di esperienza, da ‘dilettanti’ siamo oramai diventati ‘professionisti’. Abbiamo confermato il successo di visitatori dello scorso anno”. E sempre a proposito di questo bilancio più che positivo, al termine della kermesse è intervenuta anche Cristina Scaletti, Assessore alla cultura della Regione Toscana: “Grazie ad eventi come il Pisa Book Festival abbiamo una conoscenza più diffusa e consapevole del variegato mondo dell’editoria italiana, soprattutto di quella più indipendente, attenta ai temi e alle esigenze di lettura che grandi case editrici spesso trascurano. Avere più voci che si esprimono liberamente è una necessità, oggi più che mai, oltre che una priorità strategica per la politica culturale della Regione Toscana”.

26 novembre 2012

© Riproduzione Riservata
Commenti