LIBRI - I classici della letteratura

San Valentino, i 10 romanzi d’amore consigliati da leggere

San Valentino non è soltanto la festa degli innamorati, di chi riceverà un regalo o semplicemente un fiore nel corso della giornata. San Valentino dovrebbe essere soprattutto la festa del romanticismo. osa c’è di meglio, allora, per festeggiare questa giornata, che immergersi tra le pagine di un romanzo rosa...

MILANO – San Valentino non è soltanto la festa degli innamorati, di chi riceverà un regalo o semplicemente un fiore nel corso della giornata. San Valentino dovrebbe essere soprattutto la festa del romanticismo. Cosa c’è di meglio, allora, per festeggiare questa giornata, che immergersi tra le pagine di un romanzo rosa? Sotto questa etichetta si nasconde un po’ di tutto – dalle storie più comiche e leggere, ai drammoni strappalacrime. Molto amato dalle donne di tutte le età, anche le più scettiche potrebbero usare questo 14 febbraio per dare un’opportunità a una storia tutta dolcezza, amore e sentimento. Ecco dieci libri con cui cominciare.

 

Le parole che non ti ho detto, Nicholas Sparks – Theresa Osborne è un’affascinante giornalista in carriera, divorziata e madre di un bambino dodicenne. Durante una vacanza raccoglie sulla spiaggia una bottiglia contenente una lettera. Garrett, l’uomo che la firma, ha perso la donna amata e le strazianti parole del suo messaggio insinuano in Theresa una sottile curiosità. Chi è quest’uomo misterioso e romantico, che sembra attrarla inspiegabilmente? Seguendo il sentiero tracciato dalle coincidenze si avventura in una località turistica della costa, alla ricerca del protagonista di quest’amore infelice. Rintracciato Garrett, titolare di una scuola di immersioni, rimane colpita dal suo fascino e dalla sua straordinaria sensibilità. Tra i due sboccia una grande, travolgente passione ma l’uomo è ancora troppo legato alla moglie scomparsa. Dall’amore ci si riprende mai del tutto? E quando è il momento di chiudere davvero un capitolo della propria vita e aprirne un altro?

 

Il diario di Bridget Jones, Helen Fielding – Bridget mangia troppo, beve troppo, fuma troppo, ha una mamma troppo invadente, un uomo troppo sposato e troppo pochi ‘pretendenti’. Il ritratto scanzonato e divertente di questa single di oggi emerge dalle pagine del diario che, per un anno, racconta la sua vita. Un vero classico del romanzo rosa declinato in chiave ironica, dove sono i difetti e i punti deboli dei protagonisti a essere messi in primo piano. E farci ridere.

 

Ho il tuo numero, Sophie Kinsella – Poppy, una scombinata fisioterapista prossima alle nozze con un affascinante docente universitario, vede la sua vita andare in pezzi quando le viene rubato il cellulare. Presa dal panico, la fortuna mette sul suo cammino un telefonino nuovo di zecca, che la ragazza preleva dal cestino dei rifiuti. Senza pensarci troppo la futura sposa se ne appropria, ma non sa che quel telefono e lo sconosciuto con cui si troverà a condividerlo le metteranno a soqquadro la vita. La serie di “I love shopping” è probabilmente la più conosciuta di questa autrice, ma se avete voglia di cambiare scenario e personaggi – ma non genere – ecco un romanzo adatto a voi.

 

I ponti di Madison County, Robert James Waller – Quando Robert Kincaid, fotografo di fama in viaggio per un servizio, capita nel cortile di una fattoria dello Iowa per chiedere un’informazione, non sa che quella sosta segnerà la sua esistenza. E non lo sa nemmeno Francesca Johnson, la moglie italiana del proprietario. Ma bastano poche ore perché entrambi capiscano. La loro meravigliosa storia d’amore, vissuta nel breve spazio di cinque giorni, sarà un bene prezioso che custodiranno nel cuore per tutta la vita. Più un romanzo d’amore, che un romanzo rosa propriamente detto.
 
Il paziente inglese, Michael Ondatjie – Anche in questo caso, la definizione di romanzo rosa è un po’ limitante. Sul finire del secondo conflitto mondiale, tre uomini e una donna si rifugiano in una villa semidevastata sulle colline di Firenze. In una stanza del piano superiore giace, gravemente ustionato e premurosamente accudito dall’infermiera Hana, il misterioso ‘paziente inglese’. Dai suoi racconti allucinati dalla morfina riemergono l’amore travolgente per Katharine e le avventurose peregrinazioni nel deserto. Intorno alla sua convalescenza s’intrecciano le vicende degli altri abitanti della villa: Hanam Caravaggio, un ladro che lavora per i servizi segreti, e Kip, un sikh, abile artificiere.

 

L’uomo che sussurrava ai cavalli, Nicholas Evans – Chiudiamo il trittico dei romanzi d’amore più impegnati e passionali, con questo classico che ha fatto piangere il mondo. In una mattina d’inverno Grace, unica figlia di Annie e di Robert, viene travolta da un camion mentre è in sella al suo cavallo. La ragazzina, in seguito alla caduta, deve subire l’amputazione della gamba, ma anche Pilgrim, l’amato cavallo, è gravemente ferito e dovrebbe essere abbattuto. Tornati a casa, sia Grace che Pilgrim manifestano i sintomi di un grave trauma psicologico: Grace ha perso completamente la gioia di vivere, Pilgrim sembra in preda a una oscura follia e nessuno lo può avvicinare. Consapevole del legame che unisce sua figlia all’animale, sicura che guarirà solo se guarirà Pilgrim, Annie ricorre all’aiuto di un cowboy che ha il ‘dono’ di saper ammansire i cavalli selvaggi.

 

Un diamante da Tiffany, Karen Swan – New York, Parigi, Londra: quale sarà la città giusta per iniziare una nuova vita? Cassie ha appena lasciato il marito e sa che è il momento di voltare pagina e ricominciare. E allora, quale migliore aiuto di quello che possono offrirle le sue preziose amiche d’infanzia? Kelly, Anouk e Suzy, brillanti, alla moda e vitali, sono pronte a ospitarla e a farle vivere l’atmosfera glamour della Grande Mela, la passione e la seduzione della Ville Lumière e la frenesia londinese. In un viaggio alla scoperta di una se stessa che non conosceva, Cassie vivrà le esperienze più diverse: lavorerà con acclamati stilisti newyorkesi e parigini, poserà per un quotato fotografo, prenderà lezioni di cucina da un famoso chef e organizzerà matrimoni. Come riprendersi dalla fine di un amore, cambiando vita e scenario tre volte.

 

Tutta colpa di New York, Cassandra Rocca – Fare un regalo non è sempre facile. Lo sa bene la giovane Clover O’Brian, che in qualità di personal shopper aiuta i suoi clienti nell’ardua impresa di scovare doni speciali. Natale è alle porte, New York è in fermento e Clover si gode il periodo dell’anno che preferisce. Cade Harrison è un uomo molto fortunato. È un attore di Hollywood bello, ricco, famoso e amato. Anche il successo, però, ha i suoi lati negativi: appena uscito da una relazione disastrosa con una collega, Cade sente il bisogno di rifugiarsi in un luogo poco frequentato dalle star, lontano da occhi indiscreti e soprattutto dai paparazzi. E allora accetta volentieri di trascorrere le feste a New York, nella casa che gli presta un amico. Ma il caso vuole che la villetta in questione si trovi proprio di fronte a quella dove vive Clover che, fino a quel momento, gli attori hollywoodiani li ha visti solo sul grande schermo. E così due vite, apparentemente inconciliabili, inciamperanno l’una nell’altra nel periodo più romantico dell’anno. Basterà la magia del Natale a far scoccare la scintilla? Un romanzo recente, dove le coincidenze ci mettono lo zampino.

 

Il diavolo veste Prada, Lauren Weisberger – Vestiti di lusso, feste esclusive, cascate di flash e fiumi di champagne. Chi rifiuterebbe un lavoro nel mondo dorato delle riviste di moda? A ventitrè anni, con una laurea in lettere in tasca e in testa il sogno di diventare scrittrice, Andrea Sachs si presenta a un colloquio per un posto da assistente nella redazione di ‘Runaway’. Nessuno osa dire di no a Miranda Priestley, la regina indiscussa del fashion system globale e Andrea non fa eccezione. Accantonati felpe, blue-jeans e ambizioni letterarie, si ritrova a completa disposizione della mitica, esigentissima Direttrice. Eccessi e protagonisti di un universo dal fascino indiscusso nel racconto romanzato delle esperienze dell’autrice al servizio di Anna Wintour, direttrice di Vogue America. Amore e moda in questo romanzo che, personalmente, non regge il confronto con il film – dove Maryl Streep è sublime.

 

P.S. I love you, Cecilia Ahern – Holly e Gerry sono una di quelle coppie giovani e belle che vivono in simbiosi. Quando, all’improvviso, Gerry muore, Holly è devastata: vedova a soli ventinove anni, ha l’impressione che la sua vita non abbia più senso. È anche arrabbiata, si sente tradita, lui – suo marito, amante, miglior amico, la sua roccia – aveva promesso di non lasciarla mai, come può farcela da sola, ora? Ma Gerry non ha dimenticato, e trova il modo di farle avere una lettera ogni mese, con un messaggio per ritrovare la voglia di vivere e, soprattutto, con un dolcissimo ‘P.S. I love you’ che spinge Holly, fra un pianto e un sorriso, ad aprirsi al domani. Perché la vita è fatta per essere vissuta, sempre.

 

12 febbraio 2015

 

© RIPRODUZIONE RISERVATA

© Riproduzione Riservata
Commenti