Sei qui: Home » Libri » Road House, nasce in Italia la residenza dedicata agli scrittori

Road House, nasce in Italia la residenza dedicata agli scrittori

Rendere visibile il lavoro dello scrittore, del traduttore, del ricercatore, fornire una residenza a quegli autori che intendono svolgere insieme il loro lavoro di creatività o di ricerca, proponendo corsi e stage di scrittura...

Nata da un’idea di Nadia Nicoletti, la Residenza per gli scrittori ”Road House” sarà a Villa Avesa, Verona. Un luogo dove saranno ospitati scrittori, traduttori, ricercatori e si terranno corsi, stage, conferenze di studio legate al mondo della scrittura e della cultura in generale

MILANO – Rendere visibile il lavoro dello scrittore, del traduttore, del ricercatore, fornire una residenza a quegli autori che intendono svolgere insieme il loro lavoro di creatività o di ricerca, proponendo corsi e stage di scrittura. E’ questa l’idea alla base della Road House, una residenza per scrittori che promuoverà la creazione e la diffusione di idee in forma scritta per una crescita culturale che il nostro paese non può fare a meno di fronteggiare. Nata dall’idea della presidente dell’ ‘Associazione Road House’ Nadia Nicoletti, la Residenza per gli scrittori sarà a Villa Avesa, Verona.

LA RESIDENZA – La residenza, dove saranno ospitati scrittori, traduttori, ricercatori, prevederà al suo interno: corsi e stage, organizzati da docenti di valore volto ad un pubblico vasto; conferenze di studio pubblico presso le varie sedi che la città di Verona ha messo a disposizione; pubblicazioni cartacee e digitali per un fruire immediato dei lavori svolti nella Road House. La modalità di utilizzo è connessa ad attività quotidiane, per corsi e stage utilizzando lo spazio presso la Valverde, oppure con decorso variabile nel periodo invernale (novembre-marzo) per le residenze. Le varie manifestazioni avranno luogo presso gli spazi comunali come la Biblioteca Civica, il Comune ed altri siti che verranno identificati e concessi dalle istituzioni.

I PRECEDENTI STORICI – La parola cardine della Road House è creatività. Grazie a questo progetto, per la prima volta l’Italia avrà una sua Writer Colony, proprio come avviene già in America ed in altre città europee. Una volta i mecenati promuovevano e sostenevano artisti e letterati per passione delle belle opere ma anche per dare lustro e risonanza alle caste. C’è stato il tempo dei troubadours che viaggiavano di castello in castello, c’era la tradizione di ospitare artisti e scrittori in residenze creative con la finalità di contagiare culture radicate. Per secoli è sempre stato così. Rainer Maria Rilke fu ospitato nel Castello di Duino sul Golfo di Trieste dove scrisse il suo capolavoro a cui diede il nome di Elegie Duinesi per omaggiare i suoi ospiti. Dalla stessa residenza passarono Valery, D’Annunzio, Franz Listz.

L’ESEMPIO AMERICANO – ‘Oggi si conosce la Writers Colony di Yaddo negli Stati Uniti che Philip Roth frequentò già negli anni sessanta e dove non più di un mese fa, è ritornato per restituire ricordi meravigliosi sulle sue permanenze e dare un consiglio ai letterati e agli investitori, quello di usufruire di tali realtà perché sono alla base di innovamenti culturali. Al momento sono le istituzioni pubbliche che sostengono la creazione letteraria, escludendo il mecenatismo privato – afferma Nadia Nicoletti – In questo caso si tratterrebbe di sostenere direttamente singoli autori attraverso Borse di Studio’.

IL SOSTEGNO DEGLI SCRITTORI  – Il lavoro degli organizzatori si svolge su due fronti: oltre a cercare privati che sposino e finanzino il progetto, Nadia Nicoletti e il suo staff stanno procedendo a contattare scrittori affermati che possono contribuire al progetto grazie alla loro esperienza. “Il nostro è un team veramente variegato – afferma la Nicoletti – sceneggiatori, docenti universitari, traduttori, scrittori, editori, maestri di Tai Chi, studiosi e restauratori, formiamo un ventaglio di culture assai diverse ma con la stessa matrice: la creatività. Per ora abbiamo l’appoggio dell’assessorato alla cultura di Verona, della biblioteca comunale, enti pubblici di Verona, e stiamo cercando Fondazioni sostenitrici del progetto. Abbiamo chiesto a scrittori noti in tutto il mondo di sostenerci in questa avventura che siamo certi apporterà alla città di Verona, e non solo, una ricchezza incommensurabile. Per la presentazione della Road House che sarà a Verona nella settimana dell’8 ottobre 2014, abbiamo contattato autori del calibro di Ken Follett, Petros Markaris, Claude Izner, Gianpiero Rigosi, Alicia Giménez Bartlett, Haruki Murakami”. 

29 giugno 2014

© RIPRODUZIONE RISERVATA

© Riproduzione Riservata

Lascia un commento