Alla memoria di Primo Levi

Primo Levi, le letture a 30 anni dalla scomparsa per far rivivere la sua voce straordinaria

Intesa Sanpaolo, per i 30 anni della scomparsa di Primo Levi, ha organizzato un ciclo di letture speciali dedicate all'autore di "Se questo è un uomo"

MILANO – Era l’11 aprile del 1987 quando Primo Levi venne trovato morto alla base della tromba delle scale della sua casa di Torino, in corso re Umberto 75. Una caduta lunga vari piani che lo ha ucciso sul colpo. Tutt’ora non è ancora chiaro se sia caduto accidentalmente o si sia buttato di proposito, anche se questa seconda ipotesi è avvalorata dalla sua difficile situazione personale. Quest’anno ricorre il trentennale della morte di Primo Levi ed è con emozione che ci accingiamo a commemorare uno dei più grandi scrittori italiani.

TRENT’ANNI – Trent’anni fa, come dicevamo, Primo Levi si spegneva a Torino, la città dove ha vissuto tutta la vita, a parte alcune “involontarie interruzioni”, come egli stesso diceva. Ma se oggi è conosciuto non solo a Torino ma nel mondo intero come un classico contemporaneo è grazie all’universalità e alla varietà delle sue storie. Ed è proprio per questa ragione che oggi è riconosciuto come un narratore, un uomo di scienza e un pensatore di rango internazionale.

LE LETTURE – Intesa Sanpaolo, in occasione di questo importante anniversario, ha organizzato un ciclo di letture speciali dedicate a Primo Levi, a cura di Giulia Cogoli. Si terranno l’1, il 9 e il 16 marzo 2017 all’Auditorium Grattacielo Intesa Sanpaolo in corso Inghilterra 3 a Torino. A leggere e a far vivere la voce straordinaria dell’autore di “Se questo è un uomo” saranno tre grandi interpreti: Gioele Dix la prima serata, Sonia Bergamasco la seconda e Fabrizio Gifuni la terza. A introdurre i brani ci penseranno Marco Belpoliti e Domenico Scarpa. L’ingresso è gratuito su prenotazione. A questo link trovate tutte le informazioni per prenotare.

 

PHOTO CREDITS:

Filippo Vinicio Milani per Fabrizio Gifuni

Marina Alessi per Gioele Dix

Marco Rossi per Sonia Bergamasco

 

 

© Riproduzione Riservata
Commenti