Premio Strega, i ragazzi delle scuole superiori danno il loro voto sul vincitore

Studenti, lettori, elettori. Sono ancora una volta i giovani, con il loro sguardo fresco e la loro fame di letteratura, i protagonisti dell’incontro conclusivo di ''2013. Un anno stregato''. 300 ragazzi di 30 scuole secondarie superiori si riuniscono martedì 11 giugno al Teatro Palladium a Roma per esprimere il loro voto sulle opere concorrenti al Premio Strega 2013...
Si tiene martedì 11 al Teatro Palladium di Roma l’incontro conclusivo di “2013. Un anno stregato”, in compagnia di 300 studenti delle superiori, che decreteranno la loro opera preferita tra i concorrenti. Il loro voto contribuirà a designare il vincitore. Parteciperanno alla serata Tullio De Mauro e gli autori candidati al Premio

MILANO – Studenti, lettori, elettori. Sono ancora una volta i giovani, con il loro sguardo fresco e la loro fame di letteratura, i protagonisti dell’incontro conclusivo di “2013. Un anno stregato”. 300 ragazzi di 30 scuole secondarie superiori si riuniscono martedì 11 giugno al Teatro Palladium a Roma per esprimere il loro voto sulle opere concorrenti al Premio Strega 2013. Alla fine dell’incontro, sarà reso noto il libro prescelto dalla giovane giuria, che riceverà uno dei voti collettivi previsti dal regolamento dello Strega per contribuire a designare la Cinquina dei finalisti. Alla serata partecipano Tullio De Mauro, presidente della Fondazione Bellonci, e gli autori candidati al Premio Strega 2013.

UN’OCCASIONE PER FOCALIZZARE I GUSTI DEI RAGAZZI – Fin dalla prima edizione, la giornata conclusiva di “Un anno stregato” è stata un’occasione preziosa per mettere a fuoco i gusti letterari dei più giovani, tutti da confrontare con i risultati del Premio Strega istituzionale. L’anno scorso, votato a maggioranza dai ragazzi è stato Gianrico Carofiglio, nel 2011 Maria Pia Veladiano, nel 2010 Raul Montanari, mentre nel 2009 è stato Tiziano Scarpa, ancora prima di essere proclamato vincitore dalla giuria degli Amici della domenica, a ricevere dalle mani di Tullio De Mauro, presidente della Fondazione Bellonci, la scheda votata dai ragazzi. Lo stesso capitò a Paolo Giordano nel 2008.

GLI INCONTRI CON GLI AUTORI
– Anche nel 2013 nel corso di “Un anno stregato” grandi narratori come Erri De Luca, Marco Malvaldi, Fulvio Ervas e Daria Bignardi hanno dato vita a un ciclo di incontri dal titolo “Discorso diretto. Parola agli scrittori”. Quattro appuntamenti che hanno permesso ai ragazzi di conoscere differenti universi creativi, riflettere sugli strumenti espressivi della scrittura, riscoprire gli autori che hanno accompagnato e orientato il cammino dei grandi narratori italiani di oggi accendendo in loro la scintilla della letteratura.

TERZA PAGINA, LA WEBZINE DEI RAGAZZI
– Agli incontri con l’autore il progetto affianca la comunicazione digitale, attraverso la webzine “Terza pagina” interamente animata dagli studenti delle scuole superiori che partecipano a “Un anno stregato”. Il magazine online è nato nel 2011 con lo scopo di condividere in rete le letture ponendo l’accento proprio sulla rivoluzione che il web ha compiuto anche nella diffusione dell’informazione letteraria.

UNA VERA E PROPRIA COMMUNITY – Accanto alle attività tradizionali di invito alla lettura (selezione e invio agli studenti delle novità editoriali della stagione e formazione di circoli di lettura in preparazione degli incontri con l’autore) è nata così una vera e propria community dei ragazzi delle scuole coinvolte. Oltre alla webzine “Terza Pagina”, ospitata all’interno del portale FondazioneBellonci.it, è attiva su Facebook la fanpage del progetto.

8 giugno 2013

© RIPRODUZIONE RISERVATA

© Riproduzione Riservata
Commenti