La cinquina finalista al Premio Strega

Premio Strega 2014, ecco la cinquina finalista. Giuseppe Catozzella in testa, Gipi escluso

Finalmente, dopo tanta attesa, ecco i nomi della cinquina finalista del Premio Strega 2014, eletti ieri sera presso Casa Bellonci in presenza degli Amici della Domenica...

Ieri sera, presso la sede di Casa Bellonci, si sono ufficializzati i nomi dei cinque finalisti al Premio Strega. Giuseppe Catozzella, già vincitore del Premio Strega Giovani, rimane in testa con ”Non dirmi che hai paura”.

MILANO – Finalmente, dopo tanta attesa, ecco i nomi della cinquina finalista del Premio Strega 2014, eletti ieri sera presso Casa Bellonci in presenza degli Amici della Domenica, del corpo elettorale e tutti gli eredi di questo prestigioso premio che si ripete oramai da oltre 60 anni. In testa, ancora, troviamo Giuseppe Catozzella con ”Non dirmi che hai paura’, edito da Feltrinelli, che si aggiudica ben 57 voti. Catozella, con il suo libro ispirato alla vita di Samia, ha conquistato proprio tutti e rimane in testa alla classifica, diventanto così un possibile vincitore del Premio. Già ieri, con il toto strega, il popolo del web, si era espresso indicando proprio lui come preferito.

NON DIRMI CHE HAI PAURASamia è una ragazzina di Mogadiscio. Ha la corsa nel sangue. Ogni giorno divide i suoi sogni con Alì, che è amico del cuore, confidente e primo, appassionato allenatore. Mentre intorno la Somalia è sempre più preda dell’irrigidimento politico e religioso, mentre le armi parlano sempre più forte la lingua della sopraffazione, Samia guarda lontano, e avverte nelle sue gambe magre e velocissime un destino di riscatto per il paese martoriato e per le donne somale. Gli allenamenti notturni nello stadio deserto, per nascondersi dagli occhi accusatori degli integralisti, e le prime affermazioni la portano, a soli diciassette anni, a qualificarsi alle Olimpiadi di Pechino. Arriva ultima, ma diventa un simbolo per le donne musulmane in tutto il mondo. Il suo vero sogno, però, è vincere. L’appuntamento è con le Olimpiadi di Londra del 2012. Ma tutto diventa difficile. Gli integralisti prendono ancora più potere, Samia corre chiusa dentro un burqa ed è costretta a fronteggiare una perdita lacerante, mentre il ‘fratello di tutta una vita’ le cambia l’esistenza per sempre. Rimanere lì, all’improvviso, non ha più senso. Una notte parte, a piedi. Rincorrendo la libertà e il sogno di vincere le Olimpiadi. Sola, intraprende il Viaggio di ottomila chilometri, l’odissea dei migranti dall’Etiopia al Sudan e, attraverso il Sahara, alla Libia, per arrivare via mare in Italia.

LA CINQUINA FINALISTA – Ecco dunque i nomi della cinquina finalista, eletta ieri a Casa Bellonci.

Non dirmi che hai paura (Feltrinelli) di Giuseppe Catozzella con voti 57

Il padre infedele (Bompiani) di Antonio Scurati con voti 55

Il desiderio di essere come tutti (Einaudi) di Francesco Piccolo con voti 53

La vita in tempo di pace (Ponte alle Grazie) di Francesco Pecoraro con voti 49

Lisario o il piacere infinito delle donne (Mondadori) di Antonella Cilento con voti 46

IL GRANDE ESCLUSO – Tutti si aspettavano di trovare anche Gipi tra i finalisti, autore di ‘unastoria’, prima graphic novel in gara. Tra il popolo di internet, infatti, il romanzo-fumetto di Gianni Pacinotti era uno dei più apprezzati.

PRIMA TAPPA DEI FINALISTI – Prima della tappa finale i cinque finalisti del Premio Strega 2014 saranno presenti in numerosi incontri con i lettori, a cominciare da Umbria Libri, a Perugia, il 14 giugno e dal festival …Aspettando Giffoni il 18 giugno ad Avellino. Pochi giorni dopo gli autori voleranno a Vilnius, capitale della Lituania, dal 24 al 27 giugno, per una tre giorni all’Istituto Italiano di Cultura. Ultima tappa di gruppo, appena rientrati, il festival Caffeina Cultura, il 30 giugno a Viterbo.

IL VINCITORE – La seconda votazione e la proclamazione del vincitore avverranno nel magnifico scenario del Ninfeo di Villa Giulia giovedì 3 luglio, dalle ore 21. Al termine della votazione si procederà allo scrutinio dei voti, puntualmente registrato sulla storica lavagna che troneggia sul palco ad ogni finale del Premio. Anche quest’anno lo spoglio delle schede verrà seguito dalle ore 23 in diretta televisiva su Rai Tre. Conducono Gerardo Greco e Irene Benassi.

12 giugno 2014

© RIPRODUZIONE RISERVATA

© Riproduzione Riservata
Commenti