Sei qui: Home » Libri » Editoria » Polillo (AIE) su Ecobonus ”È una buona notizia che l’Iva non aumenti sugli abbinamenti ai libri”

Polillo (AIE) su Ecobonus ”È una buona notizia che l’Iva non aumenti sugli abbinamenti ai libri”

''Una buona notizia, per noi, per i nostri ragazzi, soprattutto per il Paese. Mi auguro che arrivi presto la formalizzazione della decisione''. È l'auspicio del presidente dell’Associazione Italiana Editori (AIE) Marco Polillo dopo la notizia che il Governo ha deciso di escludere l'incremento dell'Iva dal 4 al 21%...
Il presidente dell’AIE esprime soddisfazione per la scelta del Governo di accogliere l’emendamento dell’onorevole Causi al decreto Ecobonus, escludendo l’aumento dell’Iva per beni che integrano alcune categorie di libri
 
MILANO – “Una buona notizia, per noi, per i nostri ragazzi, soprattutto per il Paese. Mi auguro che arrivi presto la formalizzazione della decisione”. È l’auspicio del presidente dell’Associazione Italiana Editori (AIE) Marco Polillo dopo la notizia che il Governo ha deciso di escludere l’incremento dell’Iva dal 4 al 21% per beni che integrano e sono di completamento ad alcune categorie di libri, accogliendo così l’emendamento Causi.
IL GRAZIE DI POLILLO – “È un fatto importante per il Paese – ha proseguito Polillo – perché sceglie di non gravare alcuni libri di un inutile e controproducente balzello fiscale. Grazie quindi all’onorevole Causi che ha proposto e sostenuto l’emendamento, e forse non è un caso che sia un professore di economia della cultura – ha continuato –, grazie al Governo che sta cercando la copertura e in particolare al sottosegretario Baretta, e grazie a tutti i partiti che lo stanno sostenendo”. 
IL VALORE SOCIALE DEI LIBRI – “È finalmente un segnale – ha concluso Polillo – di concreta considerazione del valore sociale che i libri hanno nella formazione dei cittadini, ma anche di quello economico della produzione culturale e dell’innovazione nel settore. Si sta evitando un ingiustificato aggravio fiscale. Mi auguro che possano essere presi in considerazione almeno i libri educativi, quelli per bambini e quelli professionali, così compiendo un primo passo per iniziare a guardare davvero alla cultura, e all’industria culturale, come motore dello sviluppo, così come mi auguro si possa trovare una soluzione anche per evitare l’aggravio Iva su tutti i prodotti culturali abbinati a quelli editoriali.
 
27 luglio 2013
© RIPRODUZIONE RISERVATA
© Riproduzione Riservata