Pitch Slam, l’occasione giusta per trovare un agente letterario o un editore

A tu per tu con agenti ed editori, per presentare e proporre il classico “manoscritto conservato nel cassetto”. con Dal 27 al 29 settembre, a Los Angeles, durante la Writer’s Digest Conference ci sarà anche il tempo di trovare un agente letterario o un editore...
“Writer’s Digest organizza a Los Angeles una conferenza durante la quale gli scrittori potranno mostrare i loro lavori ad agenti o editori”
CALIFORNIA – A tu per tu con agenti ed editori, per presentare e proporre il classico “manoscritto conservato nel cassetto”. Dal 27 al 29 settembre, a Los Angeles, durante la Writer’s Digest Conference ci sarà anche il tempo di trovare un agente letterario o un editore. Qui gli autori potranno infatti ricevere un feedback immediato sui propri lavori. 
LAVORO ED EQUILIBRIO – Il mondo del lavoro deve il proprio equilibrio precario a numeri e rapporti. I primi sono indipendenti dai secondi, ma non ne possono comunque prescindere. Un’area strategica d’affari che si presenta economicamente vantaggiosa, a causa di rapporti professionali non producenti, potrebbe infatti non esprimere le potenzialità reali. Per rendere il concetto più semplice basterebbe tradurlo nel binomio:"occasioni sprecate". Ciò significa non essere in grado di sfruttare numeri e situazione positivi a causa di relazioni professionali perdenti. Quindi non basta solo avere la fortuna dalla propria parte. Il mondo del lavoro ha molte variabili, se però i rapporti vincenti fossero una costante allora il baricentro del lavoro sarebbe protetto.
IL MESTIERE DELLO SCRITTORE – Il concetto espresso può essere ritrovato in qualsiasi settore lavorativo. A maggior ragione in quei mestieri dove le proprie prestazioni si mescolano all’animo, all’essere. Torniamo quindi a parlare degli scrittori. Le parole impresse su fogli anonimi compiono sempre un percorso prima di arrivare fino a lì. Entrano ed escono. Vengono dal mondo, passano per le viscere degli autori e poi tornano in vita. E trascinano con loro pezzi di verità. È per questo che le umane lettere hanno bisogno di una relazione salda tra professionisti, di fiducia, desiderio e caparbietà affinché raggiungano la sperata risonanza.
L’AGENTE LETTERARIO – Il rapporto tra scrittore e agente letterario dovrebbe, quindi, essere lo sposalizio combinato tra qualità letteraria e capacità d’affari. Questa figura professionale (l’agente letterario) fa da interfaccia per gli autori che cercano un editore. Ma non un editore qualunque. Non ci sono uomini qualunque per donne qualunque, non esistono nomi indifferenti per altrettanti nomi indifferenti. E nel mestiere in cui l’animo si mescola alla prestazione, non esiste l’editore anonimo per uno scrittore anonimo. L’agente letterario ha il compito di trovare le affinità tra le figure professionali coinvolte nella realizzazione del libro (in questo caso autore-editore), di dedicare il prodotto alla giusta fetta di mercato e fondare su tutto ciò le probabilità di successo. Numeri e rapporti.
PITCH SLAM – In 90 secondi lo scrittore esprimerà le proprie intenzioni al professionista dell’editoria seduto di fronte e se giocherà bene le proprie carte potrà mostrare materialmente l’elaborato. Oppure seguire con l’agente successivo. La lista dei personaggi presenti è già stata pubblicata, così da permettere agli autori di organizzare un piano specifico e farsi un’idea delle opportunità in ballo. La conferenza è organizzata da Writer’s digest, la comunità raccolta intorno al mestiere dello scrittore. Da più di 90 anni questa organizzazione ha pubblicato libri, riviste, indetto concorsi, organizzato conferenze e realizzato materiale per aumentare le conoscenze degli autori. Quest’anno si aggiunge ancora un’altra opportunità: trovare l’uomo giusto per le proprie lettere. “Jump on! Los Angeles vi aspetta ”.
 
Sofia Di Giuseppe 
 
31 luglio 2013
© RIPRODUZIONE RISERVATA

© Riproduzione Riservata
Commenti