Pisa Book Festival, le novità dell’undicesima edizione

Il Pisa Book Festival si è sviluppato undici anni fa sulla via dello ''Slow book'', idea nata da Alfredo Salsano che, anche dopo la sua morte, ha avuto modo di svilupparsi e permettere al Festival di diventare appuntamento fisso...

L’undicesima edizione si arricchisce di novità e iniziative legate alla città e alle scuole, come il “Pisa Book Night” e la giuria di studenti pisani che premierà le tre vetrine più belle dedicate ai temi “Libri senza frontiere” e “Germania Paese ospite”

MILANO – Il Pisa Book Festival,  il salone nazionale del libro dedicato alle case editrici indipendenti, si è sviluppato undici anni fa sulla via dello “Slow book”, idea nata dall’editor della Bollati Boringhieri Alfredo Salsano che, anche dopo la sua morte, ha avuto modo di svilupparsi e permettere al Pisa Book Festival di diventare un appuntamento fisso, che negli anni è cresciuto, sino a raggiungere i 40 mila visitatori. Tante sono le novità in programma in questa undicesima edizione, che avranno come protagonisti principali gli studenti. 

LE NOVITA’ DELL’EDIZIONE 2013 – “Siamo cresciuti in qualità e quantità – spiega Lucia Della Porta – e lo dimostrano le novità di quest’anno, tra le quali il sempre maggiore coinvolgimento delle scuole: al momento sono 12 le classi coinvolte”. Sono in particolare due le iniziative che vedono protagonisti gli studenti degli istituti pisani, la Pisa Book Night e la premiazione delle vetrine più belle dedicate ai libri.

GLI STUDENTI VERI PROTAGONISTI DELLA MANIFESTAZIONE – “Gli incontri con gli autori – dichiara Rosanna Prato – sono stati preparati prima nelle classi. I libri sono stati scelti per la ricchezza di stimoli che offrono. Inoltre, a seguito di un accordo con Confcommercio Pisa, gli studenti faranno da giuria per premiare le tre vetrine più belle dedicate ai due temi proposti, “Libri senza frontiere” e “Germania Paese ospite”. Al termine del Pisa Book Festival sarà premiata anche la classe che ha dato la migliore motivazione per la scelta dei tre vincitori. A partire da quest’anno un incontro sarà replicato nell’hospice di Pisa, che fornisce assistenza sanitaria in favore delle persone che soffrono a causa di malattie inguaribili. Si tratta dell’incontro con l’autore tedesco Jo Lendle, che sarà replicato sabato 16 novembre alle 15.30 per i pazienti dell’hospice di Pisa. Il libro “La cosmonauta” è stato scelto perché il tema del viaggio è risultato il più gradito da chi è costretto in un letto”.

PISA BOOK NIGHT – Un’altra novità è rappresentata dal “Pisa Book Night”: sabato 16 novembre librerie e negozi cittadini resteranno aperti anche la sera. Si potrà inoltre visitare la mostra “Io sono io” dell’illustratore tedesco Philip Waechter allestita a Palazzo Blu, promossa dal Goethe Institut Italien in collaborazione con la Fondazione Palazzo Blu e il Pisa Book Festival, ed è curata da Hamelin Associazione Culturale. In serata resterà aperta anche la grande mostra “Andy Warhol”.

 

15 novembre 2013

© RIRPODUZIONE RISERVATA

© Riproduzione Riservata
Commenti