Novità autunnali, le letture proposte da Mondadori

La novità più attesa proposta da Mondadori per questo autunno è senza dubbio il nuovo libro di Valerio Massimo Manfredi, ''Il mio nome è nessuno Il ritorno''...

Grande ed atteso ritorno di Valerio Massimo Manfredi con “Il mio nome è Nessuno. Il ritorno”. Tra le ultime uscite della casa editrice, spazio a gialli, romanzi storici e ricchi d’avventura

MILANO – La novità più attesa proposta da Mondadori per questo autunno è senza dubbio il nuovo libro di Valerio Massimo Manfredi, “Il mio nome è Nessuno. Il ritorno”, in cui vengono narrate le vicende di Odysseo durante il lungo viaggio di ritorno verso Itaca. Di tutt’altro genere è “Il bacio del pane” di Carmine Abate, una piccola storia di adolescenza e di crescita. Profondo e toccante è invece “Nessun dorma”, il libro di Morgan Alistair, che narra le vicende di un ragazzo in attesa di un rene da trapiantare, la notte in cui l’Italia ha vinto il campionato mondiale di calcio. Tra le proposte di lettura per questo autunno ci sono anche i gialli: parliamo di “Cadavere squisito”, il nuovo romanzo di Luigi  Carletti, il quale, con estrema maestria, costruisce un vero e proprio giallo hitchockiano. Un salto nel passato viene fatto con “Il piccolo burattinaio di Varsavia”, la toccante storia del legame tra un bambino ed un soldato, che nasconde un segreto di salvezza.


IL  NUOVO LIBRO DI MASSIMO MANFREDI
– Ci sono voluti dieci anni di guerre per sconfiggere i Troiani. Ora Odysseo deve rimettersi in viaggio con i suoi uomini per far ritorno ad Itaca. E riprende la lotta, la sua sfida a tutto e a tutti. Sono queste le vicende narrate in “Il mio nome è nessuno – Il ritorno”. Ad attendere Odysseo vi sono imprese spaventose, prove sovrumane, nemici insidiosissimi come il ciclope Polifemo, i mangiatori di loto, il fiore che dà l’oblio, e poi la maga incantatrice che trasforma gli uomini in porci, i mostri dello Stretto, le Sirene dal canto che uccide. Dovrà raggiungere i confini del mondo, evocare, come uno sciamano, le ombre dei morti dall’aldilà, finire su un’isola misteriosa dove una dea lo accoglierà e lo terrà prigioniero fra le sue braccia per sette lunghi anni. Poi, finalmente, il ritorno. Il giorno del sole nero, il giorno della vendetta. Dopo aver cantato la formazione dell’eroe, Valerio Massimo Manfredi dà voce nuova al viaggio più avventuroso e affascinante di tutti i tempi. E osa guardare verso l’orizzonte su cui i più grandi poeti si sono interrogati nei secoli: l’Ultimo Viaggio. È mai davvero morto il re di Itaca, il figlio di Laerte, l’eroe vagabondo?

NESSUN DORMA – 9 luglio 2006: una sera febbrile, attesissima per gli italiani e i francesi in attesa della finale, per il mondo intero che ancora non sa quale spettacolo potrà godere grazie alla testata di Zidane.’ Una sera fatale’, si dice spesso in questi casi: ma per Andrea e i suoi genitori, questa serata fatale lo è in senso molto più forte. Andrea, infatti, è giovane ma è molto malato. Da troppo tempo, ormai, aspetta che arrivi la notizia di un organo compatibile per il trapianto, di un organo che lo riconsegni alla vita che scivola via in una spossatezza sempre più avvilente. E’ triste ma è così: le serate dei grandissimi eventi pubblici, delle folle, delle esultanze di piazza, sono i momenti statisticamente più favorevoli alla morte di adulti giovani, ancora vigorosi, perfetti per donare un pezzo di sé ai malati in attesa. In una serata grande come il cielo sopra lo stadio, palpitante come il cuore di ogni tifoso, calda come le notti d’estate in cui si sogna e ci si innamora, le vite di Andrea, dei suoi genitori, del suo medico e di molti altri personaggi si intrecciano dando vita a un romanzo forte e coraggioso.

CADAVERE SQUISITO – Nicola Maria Sadler, detto Niki, è un uomo di successo. A poco più di quarant’anni è ritenuto un mago della comunicazione e della pubblicità. Colleghi e rivali lo ammirano, lo invidiano. Anche la vita privata va a gonfie vele da quando ha conosciuto Dora, una pittrice di dieci anni più giovane, bella e intensa. Dora e Niki sono stati travolti dalla passione, un amore carico di sensualità, desiderio, ma non immune al germe della gelosia. E Dora adesso è scomparsa. Se ne è andata, lasciando Niki da solo nella sua bellissima casa nel centro di Roma, tra piazza di Spagna e piazza del Popolo. Il suo cuore è spezzato ma a devastarlo non è la semplice assenza di Dora. Niki non ricorda nulla di quello che è successo, non sa perché lei se ne è andata e quando. Cosa è accaduto di tanto orribile da essere cancellato dalla sua mente? Si può rimuovere un omicidio? A partire da questa domanda, le ombre del passato tornano a oscurare la sua vita, apparentemente così scintillante e dorata. Niki si trova improvvisamente travolto dal dubbio e dal sospetto, braccato dai dilemmi della sua coscienza e dalle indagini di Costanza Loy, cronista d’assalto di un giornale web della capitale, e di Gennaro Falasco, un ispettore di polizia tanto dimesso quanto ostinato. Niki è indiziato di  un doppio delitto: l’assassinio di Dora e quello di un giovane vicino di casa che con Dora, forse, aveva una relazione.

IL PICCOLO BURATTINAIO DI VARSAVIA – Questo romanzo è la storia di Mika, uno dei molti bambini ebrei prigionieri nel ghetto di Varsavia. Mika ha una dote, sa mettere in scena spettacoli meravigliosi con i burattini, e ha un segreto, il vecchio cappotto di suo nonno che gli calza come vestito e lo protegge dal freddo e dalla paura. Proprio in una delle molte tasche di quel cappotto Mika aveva trovato un burattino che aveva accesso la sua fantasia, la sua voglia di fuggire lontano, e così presto diventa il burattinaio del ghetto. La notizia del suo talento circola rapidamente e raggiunge anche i sorveglianti del campo che da quel momento lo obbligano a mettere in scena i suoi spettacoli non per i compagni di prigionia, ma per i nazisti. Terrorizzato, Mika si trasforma in una giovane Sherazade che ogni notte deve incantare con le sue storie, se vuole tornare sano e salvo dalla famiglia nel ghetto. Ma questo romanzo è anche la storia di Max, un soldato tedesco che in Siberia ha conosciuto il lato più oscuro del nazismo. Tra i due, il bambino e il soldato, nasce un legame destinato ad allungare la sua ombra ben oltre gli anni devastanti della guerra, un legame che nasconde un segreto di salvezza: cosa contenevano davvero le tasche di quel cappotto magico?

18 settembre 2013

© RIPRODUZIONE RISERVATA

© Riproduzione Riservata
Commenti