Libri - Riapre libreria Rizzoli a New York

New York, riapre la storica libreria Rizzoli

Una bellissima notizia per gli amanti dei libri. Dopo un anno di chiusura la Libreria Rizzoli riprende il suo posto nel cuore di New York. In particolare nel quartier Nomad, un'area in pieno rilancio con cui la libreria dei punta a coniugare dinamicità e storia, con un tocco di italianità...

A un anno dalla chiusura del bookstore sulla 57/a strada, riapre la libreria Rizzoli a New York, questa volta nel quartiere NoMad

 

MILANO – Una bellissima notizia per gli amanti dei libri. Dopo un anno di chiusura, la libreria Rizzoli riprende il suo posto nel cuore di New York. In particolare nel quartier NoMad, un’area in pieno rilancio in cui la libreria punta a coniugare dinamicità e storia con un tocco di italianità.

 

NUOVA SEDE – La nuova casa è ospitata al piano terra di uno degli edifici più belli di New York, il St.James Building, progettato nel 1896 dall’architetto Bruce Price. La nuova sede ricrea l’esperienza architettonica classica integrata con la sua nuova posizione al centro di Manhattan, su Broadway e la 26/a strada. ‘Crediamo di aver trovato la posizione perfetta – ha detto Laura Donnini, ad di Rcs Libri – non vediamo l’ora di rientrare in questa vivace comunità di lettori’. Ispirata dalla grandiosità del palazzo e dalla modernità del quartiere, la sede della nuova libreria Rizzoli vanta un’altezza di oltre 5 metri e un’ampia facciata di cristallo larga più di 10 metri che mette in mostra al meglio gli ampi spazi interni. Il layout del bookstore è suddiviso in tre grandi ambienti: una lunga navata colonnata, un ampio salone centrale e un grande spazio finestrato finale multiuso che potrà anche ospitare un centinaio di posti a sedere ed essere quindi dedicato a eventi, presentazioni, mostre e concerti. Molti dei classici arredi del negozio precedente sulla 57esima strada sono stati conservati e reintrodotti nel nuovo spazio, comprese le librerie in legno di ciliegio e i grandi lampadari in ottone.

 

LA STORIA – Il 27 luglio la libreria tornerà ad essere aperta al pubblico dopo essere stata chiusa nell’aprile 2014. Una chiusura non dovuta alla crisi, ma all’espansione del mercato immobiliare di lusso. La ‘townhouse’, cioè la casa antica che da quasi 30 anni ospitava Rizzoli Bookstore, in cui Woody Allen girò una scena di ‘Manhattan’, era stata demolita per lasciare spazio a un nuovo grattacielo. La sua riapertura in un altro quartiere della città è sicuramente una notizia sensazionale. Infatti, il negozio si porta dietro una lunga storia, la fondazione risale al 1964, quando Angelo Rizzoli decise di sbarcare Oltreoceano. Per più di 50 anni la libreria Rizzoli di New York ha attirato i clienti più colti ed esigenti di tutto il mondo offrendo loro volumi di alta qualità di arte, design, interni, moda, così come di letteratura e saggistica e, dopo un anno di pausa, torna al suo posto come punto di riferimento per gli amanti della lettura della Grande Mela.

 

22 luglio 2015

 

© RIPRODUZIONE RISERVATA  

© Riproduzione Riservata
Commenti