Nella classifica settimanale stilata da El Cultural, in Spagna a vincere la sfida delle vendite sono gli autori autoctoni

Quattro autori spagnoli nella top five dei libri di narrativa più venduti questa settimana in Spagna secondo la rivista settimanale El Cultural: Arturo Pérez-Reverte si piazza primo con il suo nuovo libro, ''El tango de la Guardia Vieja'', terzo Lorenzo Silva con ''La marca del meridiano'', vincitore del Premio Planeta 2012. E.L. James, unica straniera, riesce a guadagnarsi una posizione tra i primi cinque...

E.L. James, al secondo posto, è l’unica autrice straniera nella top five. Al primo posto si piazza Arturo Pérez-Reverte, terzo Lorenzo Silva

 

MILANO – Quattro autori spagnoli nella top five dei libri di narrativa più venduti questa settimana in Spagna secondo la rivista settimanale El Cultural: Arturo Pérez-Reverte si piazza primo con il suo nuovo libro, “El tango de la Guardia Vieja”, terzo Lorenzo Silva con “La marca del meridiano”, vincitore del Premio Planeta 2012. E.L. James, unica straniera, riesce a guadagnarsi una posizione tra i primi cinque, aggiudicandosi con “Cincuenta sombras de Grey” ("Cinquanta sfumature di Grigio") il secondo gradino del podio. Il romanzo d’esordio del presentatore televisivo Jorge Javier Vázquez, “La vida iba en serio”, si piazza quarto, mentre quinta è l’autrice María Dueñas con il suo secondo libro, “Misión olvido”.

Arturo Pérez-Reverte è scrittore noto anche in Italia per i romanzi della serie storica che ha come protagonista il Capitano Diego Alatriste e per il libro “Il club Dumas”, da cui è stato tratto il film “La nona porta” di Roman Polanski. In “El tango de la Guardia Vieja”, uscito nei Paesi di lingua spagnola il 21 novembre, l’autore mette in scena una grande storia d’amore e spionaggio che si dipana attraverso i principali eventi storici del Novecento. Tutto ha inizio nel 1928 con una scommessa tra due musicisti, Maurice Ravel e Armando de Troeye, che dovrà comporre rispettivamente un bolero e un tango. A questo scopo Armando si imbarca con la moglie su una nave diretta in Argentina, e a bordo conoscono un ballerino, Max. Tra quest’ultimo e la signora Mecha de Troeye si accende la passione: i due si incontreranno solo tre volte nella vita, ma tutte determinanti – si ritroveranno nel 1937 in Costa Azzurra, sullo sfondo della guerra civile spagnola e delle vicende che porteranno alla Seconda guerra mondiale, e nel 1966 a Sorrento.

Il libro di Lorenzo Silva – anche lui autore tradotto in italiano e già premiato con il Nadal Prize nel 2000 per “L’alchimista impaziente” – è invece un giallo. In un mondo corrotto dal denaro sporco e dello sfruttamento delle persone, l’amore rappresenta ancora una speranza di redenzione. Quando un poliziotto in pensione viene trovato assassinato, l’indagine condotta dal suo vecchio amico e discepolo, il brigata Bevilacqua, solleverà il coperchio al vaso di Pandora portando a galla tutti i mali: corruzione nella polizia, delinquenti senza scrupoli e un uomo chisciottesco che cerca nel dovere e nell’amore impossibile la redenzione a una vita spezzata. 

1. Arturo Pérez-Reverte – El tango de la Guardia Vieja
2. E.L. James – Cincuenta sombras de Grey
3. Lorenzo Silva – La marca del meridiano
4. Jorge Javier Vázquez – La vida iba en serio
5. María Dueñas – Misión olvido

 

14 dicembre 2012

© Riproduzione Riservata
Commenti