LIBRI - Cosa leggere a Natale

Natale 2014, ecco i consigli di lettura da parte degli scrittori italiani – Parte II

Il Natale è ormai veramente alle porte e in molti oggi si stanno godendo il primo giorno delle sempre sospirate e meritate ferie. Ecco allora, dopo la prima parte dei consigli di lettura da parte degli scrittori italiani...

MILANO – Il Natale è ormai veramente alle porte e in molti oggi si stanno godendo il primo giorno delle sempre sospirate e meritate ferie. Ecco allora, dopo la prima parte dei consigli di lettura da parte degli scrittori italiani, le ultime indicazioni da parte degli autori su quali libri scegliere per passare in compagnia questi giorni di festa…

I consigli di lettura natalizi di…BEATRICE MASINI

Ian McEwan, La ballata di Adam Henry (Einaudi). Perché parla di come l’amore sappia assumere forme del tutto imprevedibili, e perché nessuno come McEwan sa scrivere ogni volta un romanzo del tutto diverso da quello prima.

Andrew Miller, Pura (Bompiani). Un romanzo storico ambientato nella Parigi alla vigilia della Rivoluzione, in un luogo dove vita e morte non smettono mai di parlarsi: un cimitero. Una scrittura smagliante tradotta in modo smagliante (da Sergio Claudio Perroni).

 

I consigli di lettura natalizi di…VIVIANA MAZZA

A Natale consiglio “Jane, la volpe e io”, un libro magico per ragazzi e non solo, che tocca con delicatezza temi come il bullismo, la vera amicizia, la fantasia. Illustrazioni bellissime e grande sensibilità di scrittura.

Un altro libro da leggere è “L’estate gigante” di Beatrice Masini, perché mi ha fatto ricordare quelle estati da ragazzi al mare in cui il tempo sembra eterno, finché d’improvviso non ti ritrovi grande. E perché anche se adesso è inverno, l’estate arriverà di nuovo.

 

I consigli di lettura natalizi di…GIOVANNI MONTANARO

A Natale consiglio “Confesso che ho vissuto”. Questo libro è una autobiografia di Neruda, composta di appunti sparsi, parziali, veri di una vita straordinaria quanto semplice, tra Gandhi e la pioggia, la timidezza e i treni, Baudelaire e le donne. Tutto è poesia, in fondo. C’è un verso di Neruda che dice ‘prima di amarti, amore, nulla era mio’. Ecco, dopo aver letto questo libro, possediamo non solo la vita di Neruda ma anche un poco di più la nostra.

 

I consigli di lettura natalizi di…MARGHERITA OGGERO

A Natale consiglio il libro di Pierre Lemaitre  “Ci rivediamo lassù”. Un libro appassionante come un feuilleton ottocentesco, ma scritto meglio. Indicato per le feste, quando si ha tempo e si possono fare le ore piccole: difficile centellinare la lettura. 

 

I consigli di lettura natalizi di…SANDRA PETRIGNANI

Sto leggendo un libro bellissimo, e utile non solo a chi insegna. E’ il libro di un maestro elementare leggendario, Franco Lorenzoni. L’ha pubblicato Sellerio. S’intitola I bambini pensano grande. Cronaca di un’avventura pedagogica. Lorenzoni è leggendario per la sua coerenza, la sua saggezza, la sua capacità innovativa. E’ uno dei frutti migliori del ’68. Ha fondato e coordina dal 1980 nella zona di Amelia, in Umbria, la Casa-Laboratorio di Cenci ispirata a una sperimentazione educativa di grande efficacia e umanità. Il suo libro è scritto benissimo, non è la semplice cronaca delle sue lezioni ai bambini, è un testo filosofico avvincente, commovente, educativo per tutti gli adulti che s’interrogano sullo stare al mondo dando un senso alla propria vita.

Consiglio anche lo spumeggiante L’Italia esplode. Diario dell’anno 1952, di Irene Brin (Viella edizioni) testo che nel ’68 era stato commissionato alla grande giornalista ed esperta del costume, nonché gallerista e impareggiabile promotrice artistica dal dopoguerra fino alla morte (avvenuta nel 1969) e mai pubblicato. Ora ritrovato, vede finalmente la luce. Racconta eventi mondani e personaggi straordinari fra artisti, attori, stilisti e altri protagonisti che resero unici quei mesi di rinascita italiana. 

 

I consigli di lettura natalizi di…SUSANNA TAMARO

Per Natale consiglio Una lacrima color turchese di Mauro Corona, (Mondadori) una fiaba poetica e provocatrice sul Natale, e un saggio sui rischi del digitale  per il cervello dei nostri figli, scritto da un neurologo tedesco, Martin Spitzer,  dal titolo Demenza digitale, Ponte alla Grazie.

 

20 dicembre 2014

© RIPRODUZIONE RISERVATA

© Riproduzione Riservata
Commenti