Speciale Giovanni Falcone

ModusVivendi, anche le librerie di Palermo rendono omaggio a Giovanni Falcone

A pochi chilometri da Palermo, esattamente sull’autostrada A29, uscita Capaci, il 23 maggio 1992 veniva messo in atto uno tra i più tragici attentati mafiosi durante il quale persero la vita il magistrato antimafia Giovanni Falcone...

L’intervista a Fabrizio Piazza, resposabile vendite della libreria indipendente palermitana ModusVivendi, in occasione dell’anniversario della scomparsa di Giovanni Falcone

MILANO – A pochi chilometri da Palermo, esattamente sull’autostrada A29, uscita Capaci, il 23 maggio 1992 veniva messo in atto uno tra i più tragici attentati mafiosi durante il quale persero la vita il magistrato antimafia Giovanni Falcone, sua moglie Francesca Morvillo e tre agenti della scorta, Vito Schifani, Rocco Dicillo, Antonio Montinaro. Oggi, in occasione dell’anniversario della morte del magistrato italiano Giovanni Falcone, sono tante le realtà che organizzano eventi per diffondere, ancora una volta, il messaggio di legalità e di lotta contro la mafia. Proprio a Palermo, la piccola libreria indipendente Modus Vivendi, ci racconta come è vissuta questa importante giornata. La parola a Fabrizio Piazza, responsabile delle vendite.

In occasione dell’anniversario della scomparsa del Magistrato italiano Giovanni Falcone, avete organizzato qualcosa di speciale?

Ma sicuramente daremo spazio in vetrina a tutti quei libri che ricordano il fatto accaduto il 23 maggio 1992 e ovviamente la figura di Giovanni Falcone. Tra l’altro, poco tempo fa, è uscito un libro secondo me molto bello di Angelo Giliberto per la :duepuntiedizioni  che è ‘La stanza del presepe’, un libro che racconta la vita e soprattutto il periodo dell’adolescenza di Giovanni Falcone. Molte scuole lo hanno già adottato, quindi sicuramente anche noi lo proporremo ai nostri lettori e lo esporremo nelle nostre vetrine .

A Palermo come è vissuta la giornata in ricordo di Giovanni Falcone? E quanta importanza ha la cultura nella diffusione di una tematica importante come quella della mafia?

La lezione di Falcone e Borsellino è stata, ed è tutt’ora, molto importante. Lo testimoniano soprattutto le scuole che, ogni anno sempre di più, portano avanti degli interessanti progetti di legalità. Anche la nostra libreria, infatti, sta portando avanti il progetto ‘Modus Vivendi va a scuola’, per portare la cultura dei libri tra i giovanissimi: in questo momento siamo impegnati con gli Istituti Superiori, quindi i Licei, dal prossimo anno ci concentreremo anche sugli Istituti Comprensivi, quindi elementari e medie.  Duranti questi incontri proponiamo diversi libri strettamente legati al tema della legalità.

Cosa significa essere una piccola libreria indipendente a Palermo?

Significa inventarsi ogni giorno uno stratagemma per portare gente in libreria, per vendere un libro in più. Noi abbiamo adottato anche alcuni sistemi ‘anticrisi’, ben spiegati nel libro che è appena uscito per Marcos y Marcos “La voce dei libri. Undici strade per fare libreria oggi”, che raccoglie proprio 11 esempi di come si possa sopravvivere anche essendo librerie indipendenti. Noi abbiamo adottato da un lato la diversificazione, quindi, inserendo accanto ai libri una cospicua quantità di manufatti provenienti dall’India di alto contenuto culturale e tradizionale. Organizziamo anche numerosi eventi qui in librerie come l’oramai tradizionale appuntamento della domenica con le famose ‘Colazioni della domenica mattina’ oppure ‘Citofonare interno Modus’ per la presentazioni di nuovi libri.

23 maggio 2014
© RIPRODUZIONE RISERVATA

© Riproduzione Riservata
Commenti