Michele Cucchi, ”Nel libro cerco di offrire degli spunti pratici per combattere l’ansia di tutti i giorni”

Gli stati d’ansia sono molto comuni nella vita di tutti i giorni, ma è possibile governare e sconfiggere questo malessere quotidiano che paralizza le vite di molti, ritrovando così l’equilibrio necessario ad affrontare al meglio la vita. A spiegarcelo è il Direttore Sanitario del Centro Medico Santagostino di Milano Michele Cucchi...

Il Direttore Sanitario del Centro Medico Santagostino di Milano presenta il suo libro “Vincere l’ansia con l’intelligenza emotiva” e spiega come è possibile combattere l’ansia e lo stress nella vita di tutti i giorni

MILANO – Gli stati d’ansia sono molto comuni nella vita di tutti i giorni, ma è possibile governare e sconfiggere questo malessere quotidiano che paralizza le vite di molti, ritrovando così l’equilibrio necessario ad affrontare al meglio la vita. A spiegarcelo è il Direttore Sanitario del Centro Medico Santagostino di Milano Michele Cucchi all’interno del libro “Vincere l’ansia con l’intelligenza emotiva”. Amministratore delegato di Virtus Medicalis, una start-up che ha fondato nel 2011 e che si occupa di fornire un servizio psichiatrico e psicologico a costi accessibili in varie sedi in Italia, Michele Cucchi spiega come è possibile combattere l’ansia e lo stress nella vita di tutti i giorni e illustra il concetto di “Intelligenza emotiva”.

Come nasce il progetto di questo libro?
Mi è stato chiesto di realizzare un libro che parlasse dell’esperienza e delle problematiche dovute all’ansia, sono esperienze diffuse, che possono riguardare tutti, a prescindere che ci sia una vera e propria condizione clinica. Ho scritto quindi un libro che potesse dare degli spunti pratici, rivolti a chiunque.

Nel libro lei parla di “Intelligenza emotiva”. In cosa consiste?
Si tratta di un concetto complesso, secondo la definizione più autorevole è “l’abilità individuale di percepire, comprendere e gestire le emozioni, in sé e negli altri. Rappresenta l’espressione del funzionamento del nostro cervello, una macchina portentosa in grado di integrare emozione e ragione; il nostro benessere passa attraverso questa alchimia. L’intelligenza emotiva può essere allenata, esattamente come i muscoli del nostro corpo; ci permettere di prendere decisioni complesse velocemente, intuire il comportamento degli altri, gestire i nostri stati d’animo e lo stress. Le forme d’ansia patologica sono spesso associate a bassi livelli di intelligenza emotiva.

Quali sono le maggiori forme d’ansia?
Le forme d’ansia più frequenti sono il disturbo di panico, la fobia sociale, il disturbo ossessivo e il disturbo d’ansia generalizzata.

In che modo è possibile combattere gli stati d’ansia?
La terapia deve essere composta da un’integrazione di scelte mediche, anche farmacologiche a volte, e interventi psicologici.  Occorre imparare a utilizzare efficacemente le proprie emozioni; anche l’ansia non fa eccezione: quando la sappiamo gestire costituisce una risorsa eccezionale. I percorsi per vincere l’ansia passano spesso attraverso un vero e proprio allenamento del nostro cervello emotivo. 

Secondo lei la lettura ha un valore terapeutico, in particolare durante le feste natalizie?
Durante le vacanze c’è più spazio per fare tutte quelle cose che durante l’anno non si riescono a fare; il tempo sembra rallentare, ci si può fermare a riflettere, rilassarsi e prendersi cura di sé. Un’attività utile in questo senso è la lettura, magari del mio libro: contiene spunti su come rilassarsi, cercare il proprio equilibrio e trovare il benessere imparando ad usare le proprie emozioni.

20 dicembre 2013

© RIPRODUZIONE RISERVATA

© Riproduzione Riservata
Commenti