Sei qui: Home » Libri » Autori » Margherita Hack spiega in un libro il rapporto tra scienza, etica e cultura

Margherita Hack spiega in un libro il rapporto tra scienza, etica e cultura

La scienza e la religione, i suoi rapporti con gli altri saperi e, in un quadro ancora più ampio, la scienza e la società. Se ne è parlato ieri a Tarquinia, in una sala consiliare gremita, alla presentazione dei libri ''Sotto una cupola stellata'', dell'astrofisica Margherita Hack...
La celebre astrofisica ha presentato martedì a Tarquinia “Sotto una cupola stellata”, in compagnia di Marco Santarelli, che ha collaborato alla scrittura del libro, Giordano Bruno e Pierluigi Pirandello

MILANO – La scienza e la religione, i suoi rapporti con gli altri saperi e, in un quadro ancora più ampio, la scienza e la società. Se ne è parlato martedì a Tarquinia, in una sala consiliare gremita, alla presentazione dei libri “Sotto una cupola stellata”, dell’astrofisica Margherita Hack e dell’esperto di comunicazione interdisciplinare Marco Santarelli, e “Sapori dal Mondo”, di Giovanna D’Angelo.

GLI ORGANIZZATORI – L’incontro è stato organizzato dall’I.I.S. “Vincenzo Cardarelli”, in collaborazione con l’associazione Panta Rei e l’Assessorato alla Pubblica Istruzione del Comune di Tarquinia. A fare gli onori di casa il sindaco Mauro Mazzola, l’assessore Sandro Celli e il dirigente scolastico Laura Piroli che ha introdotto l’evento. “Per noi – ha affermato nel suo discorso iniziale – è un onore oggi avere questi importanti ospiti. Ringrazio vivamente il Comune, per la collaborazione e l’ospitalità, e soprattutto la professoressa Anna Maria Vinci che ha voluto e organizzato questo incontro”.

GLI OSPITI – Santarelli, in sala, e Hack, collegata in video-conferenza, hanno raccontato il loro libro, dialogando con gli studenti, con il professor Giordano Bruno, direttore dell’ISIA (Istituto Superiore per le Industrie Artistiche) di Roma, e con Pierluigi Pirandello, nipote dello scrittore Luigi e figlio di Fausto, pittore della Scuola Romana.

LA RETE, UN’OPPORTUNITÀ E UN RISCHIO – “Questo libro, l’ultimo di quattro scritti con Hack, è nato per far comprendere che, oltre ogni tipo di potere, tutti noi siamo chiamati a un forte senso di responsabilità”, ha spiegato Santarelli. E ha aggiunto poi che “è indispensabile introdurre l’insegnamento d’internet nelle scuole, perché la rete è un’opportunità ma anche un rischio”.

IL LEGAME DELLA SCIENZA CON LA FEDE E CON L’ARTE – Hack, in collegamento skype dal suo studio, ha risposto alle domande su scienza e fede, “nata quest’ultima proprio per rispondere agli interrogativi cui la prima non può dare spiegazioni”, ma anche sul rapporto tra scienza e arte, “profondamente legate l’una all’altra”. È quanto ha affermato anche Pirandello, che si è detto “profondamente emozionato di parlare nella città del poeta Cardarelli e dove ha vissuto il grande artista cileno Sebastian Matta”.

L’ASPETTO INTERDISCIPLINARE DEL SAPERE – Il professor Bruno, nel suo intervento, ha evidenziato che “nel mondo della scienza non esistono verità assolute e il sapere deve essere condiviso con fasce di popolazione sempre più ampie”. Santarelli, infine, ha posto l’accento sull’aspetto interdisciplinare che deve avere il sapere e sulla necessità del confronto tra tutte le branche della scienza. “Per questo abbiamo voluto presentare oggi anche ‘Sapori dal Mondo’, una raccolta di ricette etniche nata da un progetto di recupero sociale dell’associazione ‘On The Road’ per donne in difficoltà”.

13 marzo 2013

© Riproduzione Riservata