Omaggio ad Alessandro Manzoni

Maratona Manzoni, tutti in piazza a Milano per leggere a turno ”I promessi sposi”

Una maratona di lettura non-stop de ''I Promessi sposi'' per rendere omaggio ad uno dei più grandi autori del nostro panorama letterario. Parte oggi ''Maratona Manzoni'', il reading dedicato ad Alessandro Manzoni...

In piazza San Fedele a Milano, sotto la statua di Alessandro Manzoni, inizia la lettura integrale e continuativa de I promessi sposi

MILANO – Una maratona di lettura non-stop de “I Promessi sposi” per rendere omaggio ad uno dei più grandi autori del nostro panorama letterario. Parte oggi “Maratona Manzoni”, il reading dedicato ad Alessandro Manzoni e si terrà oggi e domani in piazza San Fedele a Milano. Oltre centocinquanta lettori, da attori e oratori a politici a persone che amano la lettura, si alterneranno al leggio per leggere in maniera continuativa l’opera. Il reading inizia alle 12 e proseguirà, senza interruzioni neanche durante le ore notturne, fino al tramonto di giovedì 22 maggio, anniversario della morte di Alessandro Manzoni.

LETTURA INTEGRALE – La Maratona Manzoni, è realizzata con il patrocinio del Comune di Milano e organizzato da Valeria Andreoli, Claudia Fredella, Mirella Maestri. l’obiettivo è coinvolgere tutti coloro che hanno a cuore la cultura, la lettura, i libri, il nostro passato. Una lettura integrale, senza sconti, dall’incipit “Quel ramo del lago di Como…” alla chiusa “…credete che non s’è fatto apposta”. Integrale e senza interruzioni: un lungo fiume di parole dove tuffarsi per riscoprire il passo lungo e armonioso della prosa manzoniana.

DOVE – Il reading si tiene in piazza S. Fedele, là dove Manzoni ha il suo monumento e dove molti sono i riferimenti alla sua vita e alla sua opera. Vi sorge palazzo Marino, edificato a meta’ del Cinquecento da quel Tommaso Marino, ricco banchiere genovese, la cui nipote Marianna sarà destinata a fama imperitura col nome di “Monaca di Monza”. E proprio sui gradini ghiacciati della chiesa di S. Fedele, Manzoni scivolò il 6 gennaio del 1873, procurandosi un trauma cranico che lo avrebbe portato alla morte. I protagonisti del reading si troveranno all’ombra della statua, protetti dal suo sguardo benevolo.

PATRIMONIO DI TUTTI – Manzoni esce dalle aule scolastiche e scende in piazza per essere patrimonio di tutti. “I Promessi Sposi – spiegano gli organizzatori – non appartengono alla cattivissima professoressa di italiano delle Superiori, né alle lente fiction televisive Rai degli anni Sessanta. “I Promessi Sposi” sono nostri come sono nostri il panettone, il Duomo, il Castello Sforzesco, San Siro e le birrerie dei Navigli. E poi perché niente è più bello che ascoltare qualcuno che ti racconta una storia avvincente”.

21 maggio 2014
 
© RIPRODUZIONE RISERVATA

© Riproduzione Riservata
Commenti