Libriamo 2013, il bilancio di un successo

Si è conclusa anche quest'anno l'edizione di Libriamo 2013 con grande soddisfazione da parte degli organizzatori e una costante presenza di pubblico di appassionati e curiosi, che hanno potuto scegliere il personaggio o l'evento più in linea con i propri interessi e passioni letterarie...
Si è chiusa l’edizione di quest’anno del Festival letterario di Vicenza, che ha registrato un grande successo di pubblico e affluenza anche da fuori Vicenza

MILANO – Si è conclusa anche quest’anno l’edizione di Libriamo 2013 con grande soddisfazione da parte degli organizzatori e una costante presenza di pubblico di appassionati e curiosi, che hanno potuto scegliere il personaggio o l’evento più in linea con i propri interessi e passioni letterarie.

L’INAUGURAZIONE – Il festival ha inaugurato la sua prima serata, il venerdì, ai Chiostri di Santa Corona con un ospite d’eccezione dalla grande ironia come Lella Costa, e il giorno successivo ha proposto una divertente showcooking nello spazio del Bar Borsa in centro a Vicenza, grazie alla presenza di Marco Bianchi. Lo chef salutista ha condiviso con il suo pubblico e le sue fan i segreti della cucina mentre nel pomeriggio Guido Martinetti, uno dei soci Grom, ci ha raccontato la determinazione con cui il progetto ambisca a voler realizzare il gelato migliore, perchè “fatto come una volta”.

GLI INCONTRI CON GLI AUTORI
– Ennio Peres ha incontrato il pubblico di appassionati del mondo dell’enigmistica, proponendo divertenti grattacapi matematici, ragionando insieme ai presenti e svelando i segreti  dei suoi rebus. La serata di sabato si è conclusa con una piacevole chiacchierata con Giancarlo Marinelli, che ha parlato del suo ultimo libro “Le Penultime Labbra”. Domenica 16 ha visto come protagonisti, al teatro Olimpico, le lettrici e i lettori di Antonella Boralevi venuti ad ascoltare e conoscere, direttamente dalle parole della sua ideatrice, le storie dei personaggi dei suoi libri e, in particolare, quelli del suo ultimo libro “I Baci di una notte”. Ci si è abbandonati anche alla scoperta di infinite personalità, con Candida Livatino, esperta grafologa e giornalista che ha spiegato con semplicità come interpretare le grafie di criminali e VIP. Ha chiuso gli incontri con l’autore, Andrea Kerbaker, scrittore e giornalista cultore dei libri che ha presentato “Lo scaffale infinito” (Ponte alle Grazie, 2013), un racconto che si snoda su un arco di oltre sei secoli, tra collezionisti, volumi e biblioteche di tutto il mondo.

A SPASSO CON L’AUTORE – Un grande successo di partecipazione anche per la passeggiata “A Spasso con l’autore” che ha fatto il tutto esaurito e che ha visto Giancarlo Marinelli nel ruolo di guida eccezionale,   raccontandoci i luoghi della sua Vicenza privata.

UN FESTIVAL CONOSCIUTO NON SOLO A VICENZA – “E’ stato un festival che ha dato grandi emozioni e che conferma il suo carattere di appuntamento letterario riconosciuto non solo dalla città che lo ospita” – spiega l’ideatore del Paolo Vangelista. “Molte, infatti, sono state le persone che hanno partecipato agli incontri provenienti anche da fuori provincia dimostrando, come il Festival sia conosciuto non solo a Vicenza ma anche in altre province”.

17 giugno 2013

© RIPRODUZIONE RISERVATA

© Riproduzione Riservata
Commenti