L’evasione dalla quotidianità e la ricerca personale di riscatto dominano la classifica tedesca dei best seller

La fuga del centenario Allan Karlsson dalla casa di riposo in ''Der Hundertjährige, der aus dem Fenster stieg und verschwand'' (''Il centenario che saltò dalla finestra e scomparve'') e il viaggio del pensionato Harold Fry per andare a trovare una donna del suo passato in ''Die unwahrscheinliche Pilgerreise des Harold Fry'' (''L'imprevedibile viaggio di Harold Fry'') conquistano le prime due posizioni nella classifica settimanale tedesca dei libri più venduti secondo Der Spiegel...

Nella classifica dei best seller del Der Spiegel in coda a Jonas Jonasson e alle peripezie del suo centenario in fuga si piazza la storia de “L’imprevedibile viaggio di Harold Fry”

MILANO – Il tema del viaggio, metafora dell’esistenza, percorso di scoperta di sé e della propria vita, non cessa mai di riscuotere successo nella nostra letteratura. Lo testimonia la classifica settimanale tedesca dei bestseller pubblicata da Der Spiegel, stilata per conto del quotidiano dalla rivista di settore Buchreport.

In prima posizione troviamo lo svedese Jonas Jonasson con “Der Hundertjährige, der aus dem Fenster stieg und verschwand” (tradotto in italiano “Il centenario che saltò dalla finestra e scomparve”), incentrato sull’avventurosa fuga di Allan Karlsson dalla casa di riposo dove sta trascorrendo gli ultimi anni della sua vita. Al terzo posto, il romanzo d’esordio dell’inglese Rachel Joyce, “Die unwahrscheinliche Pilgerreise des Harold Fry” (in italiano “L’imprevedibile viaggio di Harold Fry”), racconta dell’evasione di Harold dalla soffocante quotidianità che conduce insieme alla moglie Maureen in un piccolo villaggio inglese per andare a trovare in ospizio una donna del suo passato. Peripezie esilaranti, gallerie di affascinanti personaggi incontrati lungo il cammino, la ricerca di un riscatto per la propria esistenza al tramonto: questi gli ingredienti delle storie. 

È un giallo a completare il podio, in seconda posizione: “Bretonische Verhältnisse”, primo romanzo dello scrittore franco-tedesco Jean-Luc Bannalec. Al quarto e quinto posto si piazzano invece rispettivamente il secondo e il primo episodio della trilogia fantasy di Suzanne Collins dedicata agli Hunger Games, “Die Tribute von Panem. Gefährliche Liebe” (“La ragazza di fuoco”) e “Die Tribute von Panem. Tödliche Spiele” (“Hunger games”).

1. Jonasson Jonas – Der Hundertjährige, der aus dem Fenster stieg und verschwand (Il centenario che saltò dalla finestra e scomparve)
2. Jean-Luc Bannalec – Bretonische Verhältnisse
3. Rachel Joyce – Die unwahrscheinliche Pilgerreise des Harold Fry (L’imprevedibile viaggio di Harold Fry)
4. Suzanne Collins – Die Tribute von Panem. Gefährliche Liebe (La ragazza di fuoco)
5. Suzanne Collins – Die Tribute von Panem. Tödliche Spiele (Hunger games)

 

16 luglio 2012

© Riproduzione Riservata
Commenti