Cosa leggere in estate

Letture per l’estate, le novità editoriali di Marcos y Marcos

Più tempo da dedicare a se stessi, per viaggiare, nei sensi più vari: dunque anche più tempo per leggere. E' questo il senso dell'estate secondo Claudia Tarolo editore e coeditore con Marco Zapparoli della casa Marcos y Marcos...

MILANO – Più tempo da dedicare a se stessi, per viaggiare, nei sensi più vari: dunque anche più tempo per leggere. E’ questo il senso dell’estate secondo Claudia Tarolo editore e coeditore con Marco Zapparoli della casa Marcos y Marcos. Quali sono i titoli di punta di questo periodo e qual isaranno le novità in vista di settembre? Ecco alcune anticipazioni i nesclusiva in questa intervista.

Cosa rappresenta il periodo estivo per una casa editrice?

Più tempo da dedicare a se stessi, per viaggiare, nei sensi più vari: dunque anche più tempo per leggere. Più voglia di uscire di casa, di passare un po’ di tempo in libreria… e tornare a casa con un ricco bottino.

 

Ci sono titoli, autori o particolari strategie che mettete in atto per questo periodo?

Cerchiamo di offrire libri allettanti per tutti i gusti, di collaborare strettamente con le librerie delle città e dei luoghi di vacanza, di partecipare con i nostri autori a occasioni d’incontro e organizzarne a nostra volta per diffondere il piacere della lettura.

 

Su quali autori punterete, e perché?

Anche quest’anno, per la terza estate, appuntamento con Lisa Gardner, autrice di thriller mozzafiato.

In treno, durante le attese in aeroporto, stesi sul letto con il ventilatore a tutto spiano… ci si può concedere un giallo magistrale che indaga a fondo nelle dinamiche familiari, spesso meno serene di quanto possa apparire.

In mezzo alla vacanza, ritemprati e ormai lucidissimi, magari in giro per musei, può venire voglia di una riflessione più generale sul ruolo della bellezza e dell’arte, ecco un romanzo perfetto, ‘La luce è più antica dell’amore’, di Ricardo Menéndez Salmón.

Un romanzo d’amore ci sta sempre bene, e quello che ci racconta Bruno Osimo in ‘Disperato erotico fox’ non è certamente un amore qualunque.

Non solo novità, in ogni caso: il tempo dell’estate è propizio anche per recuperare gioielli del nostro catalogo sfuggiti nella fretta dei giorni.

‘Picnic sul ciglio della strada’ dei fratelli Strugatzki, per esempio o ‘Il Battello bianco’ di Aitmatov, ‘L’uomo dei dadi’ di Rhinehart o ‘La schiuma dei giorni’ di Boris Vian… c’è solo il piacere di scegliere. 

 

Oltre al lancio di titoli, ci sono particolati iniziative che avete pensato legate al periodo estivo?

Da tre anni per noi l’estate comincia in libreria: il 21 giugno centinaia di librerie e biblioteche proclamano la notte del libro e organizzano  giochi, letture, danze o ogni meraviglia. L’idea di Letti di notte ci è venuta chiacchierando con un libraio, Patrizio Zurru dell’ Officina dei libri di Cagliari, e ogni anno è un successo crescente.

 Quest’anno poi Letti di notte ha coinciso con l’ultima tappa di un’altra grande avventura: Il giro d’Italia in 80 librerie. Due biciclette hanno attraversato l’Italia da Aosta a Vasto, in sella si sono alternati editori, scrittori, giornalisti, librai, e in ogni tappa abbiamo festeggiato con librerie, scuole e biblioteche. Accanto alle risorse virtuali esistono luoghi veri, incontri in carne e ossa, libri di carta, un mondo meraviglioso che amiamo profondamente ed è più vivo che mai. Le nostre iniziative nascono tutte da questa vitalità che continuamente si rinnova. Non a caso, per organizzarle abbiamo creato un’associazione culturale che si chiama letteratura rinnovabile.

Ci può dare, infine, qualche anticipazione in vista delle uscite previste per settembre?

A settembre diamo spazio alla poesia con un libro eccezionale: Argéman, la nuova raccolta di Fabio Pusterla. Argéman è il noe delle lingue di neve che restano anche d’state nei valichi in ombra, luoghi impervi dove passano in pochi: è questo il compito del poeta, sembra dirci Pusterla, compiere passaggi inconsueti, secondari, vedere il mondo da lì.

Esce poi il minimarcos di Vendetta al palazzo di Giada, di Dale Furutani, il secondo episodio della magnifica trilogia del samurai Matsuyama Kaze. Ora in edizione elegantemente maneggevole, a soli 10 euro: un’ottima occasione per scoprire o approfondire un autore piacevole e squisito che ci accompagna con un sorriso leggero verso i misteri dello zen.

Infine la raccolta di racconti Respirare parole, esito del concorso organizzato dal comune di Milano che invitava a immaginare Milano nel 2020.

9 luglio 2014

© RIPRODUZIONE RISERVATA

© Riproduzione Riservata
Commenti