Leonardo Pischedda, direttore artistico dell’Andersen Festival, ”Un grande evento per riunirsi attorno alla fiaba”

È partita ieri a Sestri Levante (Genova) la 15sima edizione dell'Andersen Festival, che fino al 10 giugno terrà tutte la città in festa. Il programma prevede spettacoli di narrazione, teatro di strada, numeri circensi e altre iniziative che avranno luogo in spiaggia, per le strade e nelle piazze della città. La sera del 9 giugno verranno proclamati i vincitori per le varie sezioni del prestigioso Premio Andersen, alla sua 45sima edizione...

L’Andersen Festival di Sestri Levante: narrazioni, teatro di strada, numeri circensi, il Premio Andersen e molto altro

MILANO – Con il festante corteo cui hanno partecipato più di mille bambini, ha preso il via ieri per le strade di Sestri Levante (Genova) la 15sima edizione dell’Andersen Festival, evento che trasforma la città in un’enorme scena all’aperto dove si riversano attori, compagnie teatrali, scrittori, cittadini, curiosi e appassionati di mondi fiabeschi. 49 gli artisti e compagnie che nelle piazze, nelle vie e nelle spiagge danno vita a circa 99 esibizioni ed eventi. E nel generale clima di preoccupazione e incertezza economico-finanziaria, il Festival propone di esorcizzare le nostra paure attraverso il gioco, come fanno i bambini. Il tema di questa edizione fa il verso alle nostre ansie, riprendendo l’antica profezia Maya: “La fine del mondo?”

GLI EVENTI – Nella magnifica Baia del Silenzio si potrà assistere a narrazioni pomeridiane – con Carlo Lucarelli, Marco Bolognesi, Mario Calabresi e Marco Pesatori – e serali – con Paolo Rumiz, Max Gazzè, in compagnia di Roberto Gatto e Rita Marcotulli, e Diego Bianchi nei panni di Zoro. Tishani Doshi, poetessa, scrittrice e giornalista indiana, è un altro ospite di prestigio, protagonista della sezione del Festival “Realtà del mondo”. Un’attenzione speciale si è riservata ai più piccoli: è soprattutto a loro che si rivolgono i racconti di ospiti come Roberto Piumini e Paola Mastrocola, al Convento Annunziata. E ancora, gli spettacoli di teatro urbano e di strada e i numeri circensi nelle piazze, la performance dell’amazzone Roberta Inama con il suo cavallo nella Baia della Favole, l’esibizione della compagnia Transe-Express che dà vita a un’installazione di 30 metri d’altezza e molto altro.

IL PREMIO ANDERSEN – Tra gli eventi, avrà luogo la sera del 9 giugno alla Baia delle Favole la cerimonia di chiusura dello storico Premio Andersen, concorso internazionale di fiabe giunto alla sua 45sima edizione, che ha quest’anno come testimonial Paolo Rumiz. Nel corso della serata verranno proclamati i vincitori delle varie sezioni, scelti da David Bixio, fondatore del Premio, e dalla sua giuria. Nella notte tra il 9 e il 10 giugno verrà riproposta anche la Maratona di Racconti, in cui calcano la scena uno dopo l’altro tutti coloro che hanno voglia di esibirsi narrando un loro racconto davanti al pubblico.

INCONTRO TRA GENERAZIONI, GENERI E CULTURE -“L’idea che ha guidato la scelta di artisti ed eventi è stata quella di mescolare, contaminare”, dichiara Leonardo Pischedda, direttore artistico dell’Andersen Festival. “Il Festival, originariamente pensato come rivolto ai bambini, ha via via capito di non doversi ghettizzare nel mondo dell’infanzia. La fiaba parla a ciascuno di noi, ha un valore per ogni età. La celebrazione della fiaba è un’occasione per riunire tutti in un grande evento che fa incontrare e interagire per le strade della città generazioni, generi e culture: ecco perché la narrazione si accompagna a spettacoli non verbali, alla musica, a numeri circensi, alla danza, con artisti invitati, come ogni anno, da diverse parti del mondo.”

 

8 giugno 2012

© Riproduzione Riservata
Commenti