La Milanesiana 2012, il Festival dedicato al confronto tra i protagonisti della cultura

Far incrociare i protagonisti internazionali delle diverse discipline artistiche e della cultura. Con questo spirito prenderà il via sabato 30 giugno ''La Milanesiana 2012'', dedicata quest'anno a L'imperfezione. L'evento ha in cartellone 127 appuntamenti e sarà contraddistinto ancora una volta da una multiforme proposta artistica internazionale (che spazia tra vari saperi e Paesi) e da una forte volontà di diffusione sul territorio...

 ‘L’Imperfezione’ è quest’anno il tema del prestigioso Festival ideato da Elisabetta Sgarbi

 

MILANO – Far incrociare i protagonisti internazionali delle diverse discipline artistiche e della cultura. Con questo spirito prenderà il via sabato 30 giugno “La Milanesiana 2012”, dedicata quest’anno a L’imperfezione. L’evento ha in cartellone 127 appuntamenti e sarà contraddistinto ancora una volta da una multiforme proposta artistica internazionale (che spazia tra vari saperi e Paesi) e da una forte volontà di diffusione sul territorio. Accanto agli storici luoghi della città di Milano che da sempre ospitano la Milanesiana, e precisamente la Sala Buzzati della Fondazione Corriere della Sera, il Teatro Dal Verme e lo Spazio Oberdan, molti altri saranno infatti gli spazi cittadini inediti dove la rosa sboccerà: Villa Reale, l’Auditorium HQ Pirelli, e due biblioteche comunali: la biblioteca Affori-Villa Litta e la Biblioteca Valvassori Peroni. 

 

SERATE DEDICATE ALLA CULTURA – Il Festival, promosso dalla Provincia di Milano, propone 19 serate dedicate alla cultura internazionale dal 30 giugno al 18 luglio. In cartellone proiezioni, concerti, letture, spettacoli teatrali, mostre, oltre, come da tradizione, l’Aperitivo con gli Autori delle ore 12  presso la Sala Buzzati e presso le due biblioteche comunali Affori-Villa Litta e Valvassori Peroni a cura della Fondazione Corriere della Sera. Di scena ci saranno artisti pluripremiati, che per tutte le 19 giornate del festival si confronteranno negli ambiti della letteratura, cinema, scienza, teatro e filosofia, creando ancora una volta quel dialogo fra arti e saperi che è la cifra costante della Milanesiana e che, più di ogni altra cosa, rappresenta la sua identità.Tra gli esponenti di maggior spicco artisti pluripremiati fra cui il premio Nobel per la Letteratura V.S. Naipaul, i premi Pulitzer per la Letteratura Micheal Cunningham (1999), Paul Harding (2010) e Siddartha Mukherjee (2011). Tra gli scrittori italiani Raffaele La Capria, Umberto Eco ed Edoardo Nesi.

 

APPROFONDIMENTO LETTERARIO – Nata da un progetto di Elisabetta Sgarbi per far incrociare i protagonisti internazionali delle diverse discipline artistiche e della cultura, La Milanesiana ancora una volta scompone e moltiplica la sua struttura e si sviluppa in sette direzioni d’arte e cultura, differenti e convergenti allo stesso tempo, offrendo al pubblico una rete fittissima di incontri e occasioni uniche di confrontarsi con gli esponenti di maggior spicco della cultura mondiale. “Ogni anno la Milanesiana – afferma Guido Podestà, Presidente della Provincia di Milano – è capace di regalarci momenti di grande cultura e di approfondimento letterario da un lato pieni e gratificanti, dall’altro leggeri e carichi di nuovi spunti di riflessione. Milano, come Torino e Bergamo, insieme ad altre città del mondo rappresentate dai loro autori, saranno protagoniste di un calendario da non perdere.” “In questo momento difficile, raccogliere con tenacia le forze per far sbocciare una nuova edizione del Festival è stata una corsa in salita – sostiene Elisabetta Sgarbi, Direttore artistico e ideatrice della Milanesiana – Riuscirci è la prova che se le motivazioni sono forti è necessario non desistere.  E arricchire La Milanesiana in termini di contenuti, luoghi e durata è la prova della sua vocazione a moltiplicarsi e diffondersi.”

 

LE TRE SEZIONI – La Milanesiana 2012 è composta da tre sezioni e preceduta da un Prologo che si terrà a Bergamo. La prima (da lunedì 2 a sabato 7 luglio) è rappresentata dalle  serate presso il Teatro Dal Verme a cui sono gemellati i tradizionali Aperitivi con l’Autore che si tengono presso la Sala Buzzati. La seconda sezione del festival (8 – 14 luglio) corrisponde invece a Orariocontinuato, una sezione pensata per connettere con continuità gli appuntamenti giornalieri e quelli serali. Le prime 3 giornate sono dedicate al tema del viaggio, italiano ed europeo, mentre le altre 4 giornate  vedono protagoniste invece la musica e la filosofia. L’ultima sezione (Il Gioco delle Arti, 14 – 18 luglio) si svolgerà presso la Sala Buzzati, e pur riprendendo la divisione fra appuntamenti serali e Aperitivi con l’autore, presenterà negli appuntamenti di mezzogiorno forme inedite per il Festival.

 

DECENTRAMENTO – Sempre in nome del decentramento, a queste tre principali sezioni del Festival, si aggiungono due importanti momenti a Bergamo e Torino. A Bergamo dove la rosa sboccia per la prima volta, e dove tutto avrà inizio il 30 giugno: presso l’I.Lab di Italcementi – Kilometro Rosso si incontreranno e si intrecceranno per tre giornate (30 giugno, 1 – 2 luglio) scienza, musica e letteratura. A Torino, nel cortile di Palazzo Carignano, dopo il successo e l’accoglienza riservata al Festival lo scorso anno, il 4 luglio si terrà un’ulteriore prima del Festival con contenuti esclusivi e una mostra dedicata al regista Nicholas Ray (dal 4 al 14 luglio), curata dalla moglie Susan Ray e da Alberto Pezzotta, con materiali fotografici inediti.

 

28 giugno 2012

© Riproduzione Riservata
Commenti