La Fiera del libro per ragazzi di Bologna occupa le pagine di cultura dei principali quotidiani

RASSEGNA STAMPA QUOTIDIANA – Tra le principali notizie apparse sulle pagine culturali dei quotidiani di oggi segnaliamo l'articolo dedicato da Pierdomenico Baccalario alla Fiera del libro per ragazzi di Bologna, che in occasione del cinquantesimo anniversario recupera la serie per i piccoli disegnata dall’artista e illustratore Andrea Pazienza...
Repubblica dedica un articolo ad Andrea Pazienza e al suo “Favole”, riedito in occasione della 50sima edizione della Fiera da Gallucci. Sul Corriere della Sera il rapporto dell’AIE sulla lettura tra bambini e ragazzi e sull’andamento di questo settore del mercato editoriale
 

RASSEGNA STAMPA QUOTIDIANA – Tra le principali notizie apparse sulle pagine culturali dei quotidiani di oggi segnaliamo l’articolo dedicato da Pierdomenico Baccalario alla Fiera del libro per ragazzi di Bologna, che in occasione del cinquantesimo anniversario recupera la serie per i piccoli disegnata dall’artista e illustratore Andrea Pazienza. Sul Corriere della Sera, Cristina Taglietti riporta i principali risultati emersi dal rapporto dell’AIE sulla diffusione della lettura tra bambini e ragazzi e sulle condizioni di questo settore del mercato editoriale, da noi già messi in evidenza in un nostro precedente articolo. Su il Giornale Alessandro Gnocchi lamenta un’anomalia delle principali classifiche di vendita diffuse questa settimana: i libri della collana Live della Newton Compton scompaiono dalla graduatoria più importante, sebbene molti titoli di diritto dovrebbero rientrarvi. Il fatto è che questi libri vengono relegati alla classifica dei tascabili, con la giustificazione che il basso prezzo ha condizionato le vendite – ogni titolo della collana è infatti venduto a 0,99 centesimi.

LA BOLOGNA DISEGNATA DA ANDREA PAZIENZA – Su Repubblica Baccalario segnala, tra le tante novità della Fiera del libro per ragazzi di Bologna, il libretto “Favole” disegnato da Andrea Pazienza nel 1986 e colorato da Maria Comandini, la sua allora futura moglie. Il libro era uscito per la prima volta nel 1998 per Edizioni Di, e viene oggi riproposto da Gallucci. Il giornalista ricorda che Pazienza “iniziò a pubblicare le sue prime storie a fumetti nella Bologna del ’77 e poco dopo venne alla luce il suo personaggio più conosciuto, Zanardi il Nulla, come lo chiamava lui, nelle cui storie riversava, filtrandoli a modo suo, tutti i momenti della sua vita in città”. E così il celebre disegnatore ha iniziato a raccontare la città in un linguaggio che ha continuato a parlare ai ragazzi di diverse generazioni, guadagnandosi popolarità e invidia. Baccalario commenta anche i dati dell’ultimo rapporto sulla lettura, secondo cui “il 50% dei lettori smette di esserlo non appena compie i 25 anni. E non solo perché termina l’obbligo di leggere per formarsi, ma anche perché l’immagine del mondo degli adulti che hanno è quella di un mondo senza libri. Un mondo distopico in cui l’unico obiettivo sembra essere mantenere inalterata la schiavitù volontaria al lavoro.” In un articolo di spalla il giornalista propone anche i suoi consigli di lettura scegliendo fra le recenti uscite nel settore ragazzi. Nella pagina a fianco, Simonetta Fiori presenta “A scuola con i libri” di Grazia Gotti. Libraia della storica “Giannino Stoppani” di Bologna, che proprio nei giorni della Fiera  festeggia il 36simo compleanno con un fitto programma, Grazie Gotti racconta nel suo libro “la sua decennale esperienza di maestra in classi diverse. Una maestra che non si dimentica mai di essere una libraia, e nei momenti più cupi ricorre alla Pimpa di Altan o ai macabri giochi d’ossa raccontati con allegria da Janet e Allan Ahlberg.” Nella stessa pagina Stefania Parmegiani presenta invece il libro “Parole fuori”, antologia di racconti e illustrazioni su e per l’adolescenza.

IL RAPPORTO DELL’AIE SULLA LETTURA TRA BAMBINI E RAGAZZI
– Sul Corriere segnaliamo i commenti di Giovanni Peresson, responsabile dell’Ufficio studi dell’AIE, riportati da Cristina Taglietti a proposito dei dati emersi dal rapporto presentato dall’AIE. Secondo Peresson la diffusione della lettura tra bambini e ragazzi è dovuta a una proposta editoriale estremamente ricca e articolata. Inoltre, “c’è una generazione di genitori che sono stati più a lungo nei processi di scolarizzazione rispetto ai loro padri, che investono di più sulla formazione dei pochi figli che hanno”. A questi si aggiungono altri fattori, come gli spazi dedicati a bambini e ragazzi presenti in ormai quasi tutte le librerie e i risultati ottenuti con “Nati per leggere”, il primo progetto strutturato a favore della lettura.

L’ESCLUSIONE DEI LIBRI NEWTON COMPTON DALLA CLASSIFICA VENDITE – Su il Giornale, a proposito della questione riguardante le classifiche di vendita diffuse questa settimana in Italia, Gnocchi commenta: “Il prezzo ha condizionato le vendite: dov’è il problema per chi fotografa l’andamento del mercato? Noi non lo vediamo, ma gli istituti di ricerca (Nielsen Bookscan per Tuttolibri; Eurisko per Repubblica) che compilano le classifiche evidentemente sì.” Il giornalista si schiera con Serena Sileoni, sua collega, che aveva già spiegato in un articolo apparso settimana scorsa su il Giornale come la polemica sul prezzo troppo basso della collana Newton Compton fosse dannosa per la diffusione della lettura e per il mercato. Gnocchi non vuole dunque tornare sull’argomento. “Una riflessione sulle classifiche è invece necessaria”, scrive. “Questa settimana restano fuori Seneca, Freud, Dostoevskij, Poe, Austen, Shakespeare, Sun Tzu, Fitzgerald, Némirovsky a 0,99 euro. Fuori anche l’autore emergente Marcello Simoni, che nella collana ‘Live’ presenta un inedito.”

25 marzo 2013

© RIPRODUZIONE RISERVATA

© Riproduzione Riservata
Commenti