Sei qui: Home » Libri » Autori » Insulti tra scrittori, le più irriverenti ”risse” della letteratura
Giudizi taglienti famosi

Insulti tra scrittori, le più irriverenti ”risse” della letteratura

Non tutte le eccellenze della letteratura ritengono le altre sufficientemente meritevoli. Anzi, spesso i loro giudizi sono stati particolarmente caustici e svilenti. Ecco i commenti più taglienti della storia della letteratura

MILANO – Vi è mai capitato di non sopportare qualcuno dei vostri colleghi? Vuoi per i loro presunti meriti, per i loro evidenti demeriti, per invidia o magari per una semplice sana antipatia? Tranquilli, è successo anche ad alcuni dei più altisonanti nomi della letteratura mondiale: menti raffinate e creative, tanto nel comporre capolavori quanto nel denigrare le opere altrui. E così si viene a scoprire che secondo qualche emerito scrittore George Sands sarebbe “una muccona piena di inchiostro”, secondo un altro massimo pensatore Dante sarebbe “una iena”, e un celeberrimo romanziere ne vorrebbe disseppellire un altro altrettanto celebre per colpirlo in testa con la sua tibia. Morite dalla voglia di conoscere nomi e cognomi e tante altre cattiverie o commenti acidi? Non vi resta che proseguire la lettura!

.

Gustave Flaubert a proposito di George Sands
Una muccona piena di inchiostro.

 

Robert Louis Stevenson a proposito di Walt Whitman
È come un grosso cane a pelo lungo, che appena sciolto il guinzaglio, dissotterra tutte le spiagge del mondo e ulula alla luna.

.

Friedrich Nietzsche a proposito di Dante Alighieri
Una iena che scriveva poesie sulle tombe.

.

Vladimir Nabokov a proposito di Fëdor Dostoevskij
La mancanza di gusto di Dostoevskij, il suo monotono trattare di personaggi sofferenti di complessi pre-freudiani, il suo modo di sguazzare nelletragiche sventure dell’umana dignità – tutto ciò è difficile da ammirare.

.

Virginia Woolf a proposito di Aldous Huxley
Completamente rozzo, immaturo e oppositivo.

.

H.G. Wells a proposito di George Bernard Shaw
Un bambino idiota che strilla in ospedale.

.

Joseph Conrad a proposito di D.H. Lawrence
Sozzura. Nient’altro che oscenità.

.

Dylan Thomas a proposito di Rudyard Kipling
Il Signor Kipling… rappresenta tutto ciò che in questo mondo canceroso vorrei fosse diverso.

.

Ralph Waldo Emerson a proposito di Jane Austen
I romanzi della Signorina Austen… mi appaiono volgari nel tono, sterili nell’invenzione artistica, imprigionati nelle noiose convenzioni della società inglese, senza genio, intelligenza, o conoscenza del mondo. Mai la vita è stata così costretta e angusta. Il problema principale è la mente dello scrittore è… la sua propensione al matrimonio.

.

Charles Baudelaire a proposito di Voltaire
Mi sono annoiato in Francia – e la ragione principale è che tutti assomigliano a Voltaire… il re degli imbecilli, il principe dei superficiali, l’anti-artista, il portavoce delle portinaie, il padre Gigogne dei redattori del “Siècle”.

 

William Faulkner a proposito di Ernest Hemingway
Non risulta aver adoperato mai parola che costringesse il lettore a consultare il dizionario.

 

Ernest Hemingway a proposito di William Faulkner
Povero Faulkner. Davvero crede che i paroloni suscitino forti emozioni?

 

Gore Vidal a proposito di Truman Capote
È in tutto è per tutto una casalinga del Kansas, pregiudizi compresi.

 

Oscar Wilde a proposito di Alexander Pope
Ci sono due modi per disprezzare la poesia: uno è disprezzarla, l’altro è leggere Pope.

 

Vladimir Nabokov a proposito di Ernest Hemingway
Per quanto riguarda Hemingway, lo lessi la prima volta agli inizi degli anni Quaranta, qualcosa su palle, tori e campane. L’ho detestato.

 

Henry James a proposito di Edgar Allan Poe
Provare entusiasmo per Poe è segno di uno stadio di pensiero decisamente primitivo.

 

Truman Capote su Jack Kerouac
Quello non è scrivere, è battere a macchina.

 

Mark Twain a proposito di Jane Austen
Non ci guadagno nulla a stroncare libri, e non lo faccio a meno che non li odi. Spesso ho provato a scrivere di Jane Austen, ma i suoi libri mi fanno diventare matto a tal punto che non riesco a nascondere la mia furia al lettore; perciò devo fermarmi ogni volta che comincio. Tutte le volte che leggo Orgoglio e Pregiudizio mi viene voglia di disseppellirla e colpirla sul cranio con la sua stessa tibia.

 

Virginia Woolf a proposito di James Joyce
[L’Ulisse è] l’opera di un nauseabondo studente universitario che si schiaccia i brufoli.

© Riproduzione Riservata