L'infografica sulla situazione delle librerie americane

In America le librerie superano i McDonald’s. La cultura batte il cibo

Se si pensa all’America, ci vengono in mente tante cose, tranne – forse – le librerie. Eppure ce ne sono veramente tantissime, una tra l’altro, la Library of Congress, è la più grande del mondo. Non solo, secondo una ricerca effettuata...

Sembra incredibile, ma una ricerca della American Library Association in collaborazione con H&R Block, ha stimato che in America ci sono più librerie che McDonald’s e che, nei diversi stati, ci sono più di 165,986 bibliotecari pronti ad aiutarvi. Insomma, un paradiso per tutti gli appassionati lettori

MILANO – Se si pensa all’America, ci vengono in mente tante cose, tranne – forse – le librerie. Eppure ce ne sono veramente tantissime, una tra l’altro, la Library of Congress, è la più grande del mondo. Non solo, secondo una ricerca effettuata dall’American Library Association insieme a H&R Block è emerso che ci sono più librerie che McDonald’s in America e che, nell’ultimo mese, il 50% degli americani ha visitato almeno una biblioteca . Incredibile, ma vero. E l’infografica realizzata da H&R Block non lascia spazio a dubbi.

In America ci sono più di 120 mila librerie, divise per categorie: ci sono quelle pubbliche, quelle universitarie, quelle delle forze armate….Insomma, se un americano ha bisogno di un libro, non ha che l’imbarazzo della scelta visto anche che, in suo aiuto, ci sono più di 160 bibliotecari.

 

Gli States, indubbiamente, sono la patria dello Junk Food (il cibo spazzatura). Eppure, in America ci sono più librerie che McDonald’s. Un vero toccasana per gli amanti della cultura.

 

Tra le più grandi in assoluto, non solo in America, ma nel mondo, c’è la Library of Congress all’interno della quale si possono trovare circa 158 milioni di testi. Questa biblioteca è un vero paradiso perché si possono trovare delle perle del settore: il primo libro stampato nel 1640, “The Bay Psalm Book” e il libro più piccolo al mondo “The Old King Cole”. A seguire, tra le librerie più grandi, troviamo: The Boston Public Library, Harvard, New York Public Library, Illinois e l’Università di Yale

 

Secondo un dato ricavato nel 2011, per le librerie pubbliche sono stati investiti oltre 11 miliardi di dollari. Pare che, all’anno, ogni contribuente spende circa 30 dollari per le librerie e i loro servizi.

 

I numeri non lasciano spazio ad alcun dubbio. Più della metà della popolazione americana è in possesso di una tessera della biblioteca, e il numero di persone che ha usufruito del servizio nell’ultimo periodo ammonta al 50% . I libri consultati, in una stima annuale per utente, sono 7.

 

Ma perché negli States le librerie sono così utilizzate? Ci sono diversi motivi: il primo in assoluto, ovviamente, è quello di prendere in prestito un libro. Ma gli americani si affidano alle biblioteche pubbliche anche solo per trovare un posto tranquillo, oppure per fare ricerche, o ancora per far partecipare i più piccoli a delle attività adatte a loro. O semplicemente per chiedere aiuto ad un addetto ai lavori.

 

 

14 settembre 2014

© RIPRODUZIONE RISERVATA

© Riproduzione Riservata
Commenti