Il saggio di Sergio Luzzatto ancora al centro dei dibattiti sulle pagine di cultura dei quotidiani

E' ancora il caso Luzzatto l'argomento più dibattuto delle pagine di cultura dei principali quotidiani. Ne parlano su Repubblica Massimo Novelli e Guido Crainz, le cui riflessioni includono il punto di vista di personalità di spicco, tra cui Revelli e Ferrero...
Su Repubblica, le riflessioni di Massimo Novelli e Guido Crainz su “Partigia. Una storia della resistenza”. Su Libero, la risposta di Francesco Borgonovo alle critiche mosse ieri da Gad Lerner a Luzzatto
 
RASSEGNA STAMPA QUOTIDIANA – E’ ancora il caso  Luzzatto l’argomento più dibattuto delle pagine di cultura dei principali quotidiani. Ne parlano su Repubblica Massimo Novelli e Guido Crainz, le cui riflessioni includono il punto di vista di personalità di spicco, tra cui Revelli e Ferrero. Libero invece, dopo una presentazione del romanzo firmata da Francesco Specchia, risponde, attraverso la penna di Francesco Borgonovo, alle accuse mosse da Gad Lerner all’autore su Repubblica, a cui abbiamo dedicato ampio spazio nella rassegna stampa di ieri. Vengono inoltre segnalati, sul Corriere della Sera, Il Messaggero, Il Giornale e Libero, i nomi dei dodici candidati  ad entrare nella cinquina dei finalisti del Premio Strega, scelti ieri dal Comitato Direttivo e indicati anche da noi in un articolo di ieri. Ancora sul Corriere, Livia Manera dedica una breve al caso delle autopubblicazioni, trattato ampiamente da autori ed editori alla London Book Fair, che conclude stasera. Su La Stampa, Rocco Moliterni riserva ampio spazio alla retrospettiva dedicata al fotografo Elliott Erwitt, allestita nella Corte Medioevale di Palazzo Madama a Torino e aperta al pubblico da oggi sino al prossimo primo settembre. 
 
 
LA BUFERA SUL SAGGIO DI SERGIO LUZZATTO – “Nell’operazione mediatica per presentare il libro di Luzzatto colpisce la sproporzione fra gli eventi, minimi, e il rilievo dato a questi”.  Sono queste le parole di Marco Revelli, figlio del partigiano Nuto, riportate da Massimo Novelli su Repubblica, che ben esprimono la bufera scatenatasi intorno alle tesi di Sergio Luzzatto. Il coro di accuse è unanime, e pone l’accento sulla strumentalizzazione della figura di Levi, in un’ottica fortemente revisionista. Ernesto Ferrero, ex dirigente Einaudi, si schiera strenuamente a difesa di Levi e dichiara: “Antropologo scrupoloso e geniale, sulle scelte etiche non transigeva. E anche da questo episodio esce più grande che mai”.  Fuori dal coro è la voce di Guido Crainz, che si definisce curioso e propenso alla lettura del saggio “Lo leggerò d’un fiato soprattutto perché rinvia a più di una questione storiografica ed etica”. Crainz ha colto le valutazioni poco positive espresse da Gad Lerner come un incentivo in più alla lettura del testo. Ed è Francesco Borgonovo, dalle pagine di Libero, a rispondere alle critiche mosse da Gad Lerner al saggio. Quelle mosse da Lerner vengono definite come accuse sterili ed infamanti, soprattutto per quanto concerne il profilo dei due partigiani che ne viene delineato, e la giustificazione delle loro esecuzioni.
 
 
LE ALTRE NOTIZIE – Tra le altre notizie, segnaliamo su Il Messaggero l’ articolo dedicato all’intervento dell’architetto Cesare de Seta a Biennale Democrazia, a Torino, sul tema La città dell’utopia e della libertà. Il Giornale propone l’anticipazione del nuovo libro di Stefano Lorenzetto, Hic sunt leones, in uscita oggi. Anche sul Corriere della Sera troviamo un’anteprima del saggio di Emanuele Severino Intorno al senso del nulla, disponibile da oggi nelle librerie. 
 
 
17 aprile 2013
© RIPRODUZIONE RISERVATA

© Riproduzione Riservata
Commenti