”Il libro dell’amore proibito”, il racconto di un sentimento impossibile e ostinato

Era proibito l'amore tra Renzo e Lucia narrato da Manzoni, quello tra Romeo e Giulietta decantato da Shakespeare e lo è anche quello tra Donatella Telesca, professoressa di educazione tecnica e il suo alunno Francesco, detto Veleno, protagonisti dell'ultimo romanzo di Mario Desiati...

Pubblichiamo la recensione di Sara Fiorente all’ultimo libro di Mario Desiati per la delicatezza con cui sa tratteggiare il mistero dell’amore raccontato in questo libro

Era proibito l’amore tra Renzo e Lucia narrato da Manzoni, quello tra Romeo e Giulietta decantato da Shakespeare e lo è anche quello tra Donatella Telesca, professoressa di educazione tecnica e il suo alunno Francesco, detto Veleno, protagonisti dell’ultimo romanzo di Mario Desiati, “Il libro dell’amore proibito”, edito da Mondadori e disponibile anche nel formato ebook.

Sono tante le ragioni che possono proibire un amore: tra Donatella e Veleno è la differenza d’età, ma nel libro ci si trova di fronte ad altri amori proibiti, quello tra la nonna Comasia e il nonno assente perché disperso in guerra, oppure quello tra Walter e la bellissima Azzurra, dove l’impedimento è costituito da una disabilità fisica. Ma, come scrive Desiati, “solo quando oltrepassi l’impedimento assapori la conquista”, e sarà proprio il crescente desiderio alimentato dall’assenza e dall’attesa a tenere acceso un amore apparentemente impossibile. Persino il mare pare essere in attesa, degli amori che di fronte ad esso si consumano, si intensificano, si sciolgono e si incantano.

“Ci sono desideri e sentimenti che non riesci a spiegare a nessuno. Forme di tenerezza fondamentale come scrivere una lettera d’amore a una persona che non la leggerà mai”, lettere scritte per colmare i momenti di profonda solitudine che Donatella e Veleno sono costretti a vivere, ma sarà poi l’ostinazione, con buone dosi di follia, a premiare i due amanti, a testimonianza del fatto che “non c’è amore senza ostinazione”. La proibizione come una sorta di adrenalina si sprigiona nel corpo aumentando l’attrazione, il desiderio e il più profondo sentimento dell’amore.
 
“L’amore per crescere ha bisogno di muri, proprio come l’edera”, è questo l’insegnamento che nonna Comasia dà a suo nipote Veleno, e quindi ciò che può sembrare un impedimento, diventa un supporto, una sfida. Anche in questo libro, come in precedenti opere di Desiati vi è un’attenzione particolare dedicata ai nomi e soprannomi dei personaggi e ai luoghi di ambientazione.

Il booktrailer de Il libro dell’amore proibito è stato realizzato da Pippo Mezzapesa, regista de Il paese delle spose infelici, film tratto da un precedente romanzo di Mario Desiati.

12 dicembre 2013

© RIPRODUZIONE RISERVATA

© Riproduzione Riservata
Commenti