Sei qui: Home » Libri » Il gioco per mantenere viva l’arte
Blogario

Il gioco per mantenere viva l’arte

Se mi seguite saprete quanto Blogario sia social (mamma mia come sono cool, trendy ed altre ovvietà del genere ...) e se siete social saprete anche che, dopo Se i quadri potessero parlare, adesso ogni bacheca di Facebook è invasa da un nuovo trend: il gioco per mantenere viva l’arte...

Se mi seguite saprete quanto Blogario sia social (mamma mia come sono cool, trendy ed altre ovvietà del genere …) e se siete social saprete anche che, dopo Se i quadri potessero parlare, adesso ogni bacheca di Facebook è invasa da un nuovo trend: il gioco per mantenere viva l’arte.

E’ semplice: un nostro amico partecipa e noi mettiamo mi piace sotto un’immagine da lui scelta. A questo punto sarà lui ad assegnarci l’artista e, anche se non lo conosciamo, dovremo cercare la foto di una sua opera e partecipare a nostra volta.

Il gioco continua all’infinito ma, se volete, è sempre attivo un altro modo per mantenere viva l’arte ed è andare in libreria alla ricerca della monografia o dell’antologia, magari su un determinato stile o movimento, che più fanno al caso nostro.

Ma se proprio non avete idee vi segnalo l’uscita dell’ultimo di Philippe Daverio: Guardar lontano, veder vicino (Rizzoli). Una personale, è proprio in caso di dirlo, in cui viene affrontato il Rinascimento con il piglio pratico e sincero del divulgatore che tutti noi conosciamo.

Naturalmente non posso esimermi e se volete partecipare ho scelto Van Gogh e la sua lettrice di romanzi.
Ma quale metodo per mantenere viva l’arte vi piace di più?

11 dicembre 2013

© RIPRODUZIONE RISERVATA

© Riproduzione Riservata