”I Mayali dell’ApoRcalisse” la fine del mondo raccontata dai fumetti del cinghiale Zannablù

Il 21 dicembre 2012 è ormai arrivato e sul mondo, o meglio, sul Porcomondo incombe la terribile profezia dei Mayal – che dei Maya sono lontani parenti. Come andrà a finire? Ce lo raccontano ''Le cronache del Porcomondo. I Mayali dell'ApoRcalisse'', nuova avventura a fumetti del cinghiale Zannablù che si trova – come noi? – alle prese con l'imminente catastrofe. Al termine dell'articolo, le prime pagine del fumetto in anteprima..

Un nuovo episodio delle avventure a fumetti create da Stefano Bonfanti e Barbara Barbieri dedicato alla profezia Maya(L)

 

MILANO – Il 21 dicembre 2012 è ormai arrivato e sul mondo, o meglio, sul Porcomondo incombe la terribile profezia dei Mayal – che dei Maya sono lontani parenti. Come andrà a finire? Ce lo raccontano “Le cronache del Porcomondo. I Mayali dell’ApoRcalisse”, nuova avventura a fumetti del cinghiale Zannablù che si trova – come noi? – alle prese con l’imminente catastrofe.

 

LA TRAMA – La tanto temuta ApoRcalisse è sempre più vicina. Gli antichi Mayal lo avevano predetto. Un misterioso vortice squarcia il cielo grigio risucchiando la città, mentre dei loschi figuri cercano di estorcere a Zannablù i segreti riguardanti il destino della terra. Da un antico e arcano documento risulta infatti che il povero cinghiale è il depositario delle verità sull’ApoRcalisse, ed è dunque l’unico che può salvare il pianeta. Ma se le cose stanno così, per chi miri a volgere quel caos a proprio favore e ad acquisire il potere, sarà necessario estorcere a Zannablù tutte le informazioni possibili. In realtà Zannablù non ha la benché minima idea di quel che stia succedendo, ma fingere sembra essere l’unica soluzione per salvarsi. Come fare? Un viaggio nel tempo per entrare in contatto con l’antica civiltà Mayal parrebbe l’unico modo per risolvere la situazione… O forse per complicarla ancor di più?

 

I FUMETTI DI ZANNABLÙ – Zannablù nasce dall’umorismo delle matite di Stefano Bonfanti e Barbara Barbieri, che dal 2000 creano le avventure del simpatico cinghiale. L’albo “I Mayali dell’Aporcalisse”, uscito nel maggio 2012, ha segnato un rinnovamento per la serie: dal punto di vista grafico, abbandonato il bianco e nero, le strisce vengono ora pubblicate a colori, mentre dal punto di vista narrativo si abbandonano le storie “autoconclusive”, indipendenti una dall’altra, per passare a una macrostoria che si snoda lungo le puntate, e mira ad un plot più intrigante. Tra le ultime avventure della serie, “Le Fiabe Deficienti di Zannablù” e “Harry Porker… e il segreto della besciamella”.

 

LA CASA EDITRICE DENTIBLÙ – “Le cronache del Porcomondo” sono edite da Dentiblù, giovane casa editrice che si occupa di illustrazioni, disegno di fumetti, storyboard e character design che si sta imponendo nello scenario dell’editoria a fumetti italiana, anche acquisendo diritti di pubblicazioni internazionali di successo.

 

21 dicembre 2012

© Riproduzione Riservata
Commenti