LIBRI - I 5 migliori graphic novel del 2014

I libri più belli usciti nel 2014, ecco i 5 migliori graphic novel italiani

Manca meno di un mese alla fine del 2014, poco meno di 15 giorni a Natale e cosa c'è di meglio che regalare un graphic novel? Il romanzo grafico (o romanzo a fumetti), traduzione letterale dell'espressione inglese graphic novel è...

MILANO – Manca meno di un mese alla fine del 2014, poco meno di 15 giorni a Natale e cosa c’è di meglio che regalare un graphic novel? Il romanzo grafico (o romanzo a fumetti), traduzione letterale dell’espressione inglese graphic novel è un genere del fumetto in cui le storie hanno la struttura del romanzo, quindi un inizio e una fine e sono di solito rivolte ad un pubblico adulto. Fumettologica, magazine quotidiano di informazione e cultura del fumetto, segnala i 10 migliori graphic novel usciti quest’anno. Tra questi, abbiamo selezionato quelli degli autori italiani. E credeteci, sono delle vere e proprie opere d’arte!

Il mondo così com’è di Massimo Giacon e Tiziano Scarpa (Rizzoli Lizard)

Alfio soffre di allucinazioni grafiche. Vede panciuti balloon uscire dagli oggetti o dagli animali, riesce a leggere ciò che dicono gli uccelli e le stelle del cielo, le prese elettriche e i semafori, i crocefissi e le divinità africane. Un caso umano che potrebbe segnare la storia della psichiatria e che – agli occhi della dottoressa Zedda – rappresenta la scoperta più sensazionale mai ottenuta dalla ricerca scientifica; un inconsapevole paladino dell’umanità. Scritto da Tiziano Scarpa e disegnato con l’inconfondibile segno pop di Massimo Giacon, un graphic novel dedicato a quei dettagli che si perdono nella moltitudine di stimoli, a ciò che si apprezza solo quando non c’è più, alle piccole sfumature che rendono unico e inimitabile il mondo così com’è.

Dimentica il mio nome di Zerocalcare (Bao Publishing)

Quando l’ultimo pezzo della sua infanzia se ne va, Zerocalcare scopre cose sulla propria famiglia che non aveva mai neanche lontanamente sospettato. Diviso tra il rassicurante torpore dell’innocenza giovanile e l’incapacità di sfuggire al controllo sempre più opprimente della società, dovrà capire da dove viene veramente, prima di rendersi conto di dove sta andando. A metà tra fatti realmente accaduti e invenzione.

Nevermind di Tuono Pettinato (Rizzoli Lizard)

Il 5 aprile del 1994 Kurt Cobain mette fine a una vita che lo ha reso suo malgrado portavoce di una generazione; un’esistenza ormai governata dal dolore, dalla depressione, dalla ricerca di uno stordimento mentale e fisico, di un ottundimento sensoriale che lo liberasse dalle sofferenze come dalle passioni di cui non riusciva più a godere. Ma il colpo di fucile con cui il frontman dei Nirvana ha deciso di cancellare i propri tormenti – e che lo ha cristallizzato per sempre nell’icona in cui il mainstream era riuscito a trasformarlo – non si è portato via soltanto la voce, straziata e straziante, di album indimenticabili e ormai immortali della storia del rock; perché prima di non vedere altra soluzione se non quella della morte, Kurt Cobain è stato tanto altro. È stato un bambino allegro e spontaneo, irresistibile nel suo entusiasmo, presto fiaccato dal desiderio inesaudibile di una famiglia unita e felice; un adolescente complicato, sempre fuori posto, vessato dai redneck, determinato nei suoi progetti di fuga da una provincia popolata solo da ‘idioti, cavernicoli e taglialegna’; un ragazzo curioso, affamato di esperienze, nei cui occhi la scoperta liberatoria del punk ha saputo far brillare una fiamma che non avrebbe mai potuto spegnersi lentamente, ma solo bruciare in quello che al mondo è sembrato un attimo meraviglioso e irripetibile.

Fun di Paolo Bacilieri (Coconino Press)

Cent’anni fa, sul quotidiano New York World, veniva pubblicato il primo cruciverba. Quali segreti si nascondono dietro il passatempo che ha conquistato generazioni di appassionati solutori? Zeno Porno e il professor Pippo Quester indagano sui destini incrociati dell’enigmistica e del fumetto. Tra parole crociate e nuvole parlanti, caselle e vignette, aneddoti del passato e passeggiate nella Milano di oggi, lo schema si complica e il gioco si fa pericoloso… Ma la parola d’ordine resta FUN, divertimento. Un graphic novel, una miniera di invenzioni, un saggio disegnato che attraversa un secolo di cultura popolare.

Golem di LRNZ (Bao Publishing)

Lorenzo Ceccotti, in arte LRNZ, è un designer amatissimo che da anni sogna di debuttare nella narrativa a fumetti. Lo fa con Golem, una storia dall’impianto fantascientifico che ipotizza la fine del sistema capitalistico mondiale. Un’epopea visivamente spettacolare, per un libro di altissima qualità produttiva.

11 dicembre 2014

© RIPRODUZIONE RISERVATA

© Riproduzione Riservata
Commenti