I Libri al Parlamento, i messaggi dei nostri book premier rivolti ai politici

L'importanza della scuola per i ragazzi, il dovere da parte dei partiti di andare per le strade in mezzo alla gente, la conoscenza come bene supremo dell'uomo. Sono questi i principali messaggi racchiusi negli aforismi che i nostri book premier hanno pubblicato sulla pagina Facebook di Libreriamo per la campagna ''I libri al Parlamento''...

Da Alberto Moravia a Rita Levi Montalcini, ecco altri aforismi che sono arrivati sulla pagina Facebook di Libreriamo

MILANO – L’importanza della scuola per i ragazzi, il dovere da parte dei partiti di andare per le strade in mezzo alla gente, la conoscenza come bene supremo dell’uomo. Sono questi i principali messaggi racchiusi negli aforismi che i nostri book premier hanno pubblicato sulla pagina Facebook di Libreriamo per la campagna “I libri al Parlamento”. Per l’occasione, sono stati ripresi passi tratti da libri e opere di personaggi come Don Lorenzo Milani, Platone, Pier Paolo Pasolini, Alberto Moravia, Rita Levi Montalcini.

Maria Grazia Mosconi
Se si perde loro (i ragazzi più difficili) la scuola non è più scuola. É un ospedale che cura i sani e respinge i malati.
Don Lorenzo Milani (Lettera a una professoressa)

Hermana Luna
‎”L’autentica rivoluzione è quella dello spirito, nata dalla convinzione intellettuale della necessità di cambiamento degli atteggiamenti mentali e dei valori che modellano il corso dello sviluppo di una Nazione. Una rivoluzione finalizzata semplicemente a trasformare le politiche e le istituzioni ufficiali per migliorare le condizioni materiali ha poche probabilità di successo.”
(Aung San Suu Kyi)

Adriana Bisicchia
‎”Invece di voler essere simile a questo o a quello fa di te stesso un gigante silezioso e immobile. Non sprecare il tempo cercando di fare buona impressione alla gente. Se tu diventi un uomo che la gente rispetta, la gente ti rispetterà. Ecco cos’è una montagna…”
E. Yoshikawa (Da Musashi)

Francesca Bagorda
‎”Ma se dei pezzenti avidi di trar profitto personale si avventano sul bene pubblico, con tutte le intenzioni di doverne strappare il proprio tornaconto, non sarà possibile avere una Città ben governata, in quanto, essendo il potere oggetto di discordia, una guerra fratricida e intestina prima o poi manderà in rovina i contendenti e con loro tutti i resti dello stato”.
Platone (Repubblica)

Alessandro Lanzarotti
Quando la mano di un uomo tocca la mano di una donna, entrambi toccano il cuore dell’eternità.
Kahlil Gibran

La RAI ai Cittadini
L’Italia sta marcendo in un benessere che è egoismo, stupidità, incultura, pettegolezzo, moralismo, coazione, conformismo: prestarsi in qualche modo a contribuire a questa marcescenza è, ora, il fascismo.
Pier Paolo Pasolini (Vie Nuove n. 36, 6 settembre 1962)

Giuliano Pepe
Non rinchiuderti, Partito, nelle tue stanze, resta amico dei ragazzi di strada.
Vladimir Vladimirovič Majakovskij

Carlo Vanelli
Quando non si è sinceri bisogna fingere, a forza di fingere si finisce per credere; questo è il principio di ogni fede.
A. Moravia (Gli indifferenti)

Domenica Pipari
La conoscenza è per definizione un bene, forse il bene supremo dell’uomo, perché senza di essa non possono esistere gli altri valori fondamentali ai quali ci si appella di continuo.
Rita Levi Montalcini (La clessidra della vita)

Alessio Innocenzi
‎In Italia non manca la materia prima necessaria ad essere modellata: il popolo è capace ma i capi sono degli inetti.
Niccolò Machiavelli (Il Principe)

18 febbraio 2013

© Riproduzione Riservata
Commenti