I corsi di formazione per l’editoria dell’AIE approdano per la prima volta all’estero

L'attività di formazione e aggiornamento svolta dall'AIE per gli editori varca per la prima volta i confini italiani, con un progetto destinato alla Bolivia. L'Associazione Italiana Editori terrà infatti un percorso di formazione della durata totale di 17 giornate a una casa editrice boliviana...
Una giovane casa editrice boliviana di scolastica si è rivolta all’Associazione Italiana Editori perché tenga un corso di formazione al suo personale

MILANO – L’attività di formazione e aggiornamento svolta dall’AIE per gli editori varca per la prima volta i confini italiani, con un progetto destinato alla Bolivia. L’Associazione Italiana Editori terrà infatti un percorso di formazione della durata totale di 17 giornate a una casa editrice boliviana, Editorial Bienaventuranzas, che sta muovendo i primi passi sul mercato della scolastica.

L’OBIETTIVO DEL PERCORSO DI FORMAZIONE – La casa editrice Editorial Bienaventuranzas è gestita dall’omonima comunità missionaria, che l’ha fondata a febbraio 2012. Questa si è rivolta ad AIE circa un anno fa, chiedendone la collaborazione per un progetto di formazione del personale, in tutte le sue aree e funzioni (redazione, commerciale, marketing, produzione ecc.). L’obiettivo è di fornire a quest’ultimo gli strumenti per organizzare e gestire, con maggiore efficacia ed efficienza, la produzione e distribuzione di libri educativi per la scuola primaria e secondaria, con l’intento di ampliare successivamente la produzione alla parascolatica. [Per parascolastica si intende l’insieme delle pubblicazioni che sono complementari ai testi scolastici veri e propri, per esempio sintesi, testi di esercizi, libri delle vacanze – N.d.R.]

L’ECCELLENZA DEI LIBRI SCOLASTICI ITALIANI – “Un motivo di orgoglio per la nostra editoria e per il settore formazione di AIE/Ediser, visto che dalla Bolivia ci si è rivolti proprio a noi, e non ad altre associazioni di lingua spagnola come potrebbe sembrare più ovvio”, ha commentato in proposito il direttore generale di AIE Alfieri Lorenzon. E la ragione di questa scelta è che “viene riconosciuta ai libri scolastici italiani una qualità più elevata rispetto a quella di altri Paesi, da cui trarre esempio”.          

LA STRUTTURA DEL CORSO – Parte quindi a fine febbraio il progetto “Organizzare e gestire una casa editrice scolastica in Bolivia”. Il percorso formativo prevede una prima parte di lezione in loco, a favore di tutto il personale della casa editrice (circa 30 persone), e una seconda parte più dettagliata e tecnica per i responsabili delle varie aree della casa editrice  in Italia a luglio. Si parlerà dello sviluppo del progetto editoriale, dell’organizzazione dei contenuti, del conto economico, del piano di marketing, di diritto d’autore e dello sviluppo del piano editoriale digitale. L’inizio del corso è previsto il 25 febbraio con le docenze, in questa prima fase, di Gianni Peresson e Cristina Mussinelli di AIE e di Guia De Martino Norante di dMB Editoria e grafica s.r.l.

18 febbraio 2013

© Riproduzione Riservata
Commenti