Mare d’inchiostro

I 5 motivi per leggere un libro di notte

Perché leggere di notte, anche fino a tardi? Ci sono delle ottime ragioni per leggere quando fuori è buio e la maggior parte delle persone è seduta sul divano davanti al televisore oppure sta già dormendo. Ecco le 5 ragioni per cui preferisco leggere di notte:

1. Di notte non devo interrompere la mia lettura per nessuno.

Nessuno telefona, citofona o disturba in altro modo la mia concentrazione nella lettura.

 

2. Di notte non ho limiti di tempo per leggere.

Non devo contare il tempo, sapendo che potrò leggere solo per dieci minuti o mezz’ora. Per esempio, non devo interrompere la lettura, perché sono arrivata alla mia fermata dell’autobus. Di notte è solo la stanchezza a dirmi che è ora di dormire e di dare la buonanotte all’amico di carta che ha ancora tanto da dire.

 

3. Di notte non devo ritagliarmi dei momenti per la lettura.

Non devo aspettare la pausa pranzo o il momento in cui finalmente sarò seduta sul treno (sperando ci sia posto a sedere). Di notte so di avere tempo per leggere e basta; non devo ritagliarmi un agognato momento per sapere come va avanti la storia.

 

4. Di notte c’è silenzio.

Finalmente il silenzio. Durante il giorno si potrebbe non essere così fortunati. E poi, l’atmosfera della notte è magica quando si è immersi nella lettura!

 

5. Di notte nessuno è lì a criticare!

C’è sempre qualcuno che, guardando il libro che sto leggendo, è pronto a criticare il tipo di lettura scelta; o magari se ne sta lì a dire che i soldi spesi per un libro sono soldi buttati e magari potevano essere spesi per qualcosa di più utile. Una delle frasi classiche è: ‘Ti sei comprata un altro libro? Ma se non hai più spazio!’. Capiamoci: io avrò sempre, sempre spazio per un altro libro! Sempre!

Elisa Sartarelli

20 ottobre 2014


© RIPRODUZIONE RISERVATA

© Riproduzione Riservata
Commenti