Hanna Rosin, ”Nel mio libro spiego come le dinamiche di potere tra uomo e donna siano cambiate”

Un vero e proprio caso editoriale che continua tutt'oggi a far discutere e che sembra destinato a far parlare di sé a lungo. E' questo ''La fine del maschio e l'ascesa delle donne''...

Disponibile in Italia e “La fine del maschio e l’ascesa delle donne”,  il saggioinchiesta della giornalista e scrittrice americana che ha rivoluzionato le dinamiche di potere fra uomo e donna

 

MILANO – Un vero e proprio caso editoriale che continua tutt’oggi a far discutere e che sembra destinato a far parlare di sé a lungo. E’ questo “La fine del maschio e l’ascesa delle donne”, il volume pubblicato negli Stati Uniti lo scorso settembre con il titolo The End of Men (and The Rise of Women) scritto dalla celebre giornalista e scrittrice americana Hanna Rosin. Nato come un articolo/reportage scritto per il magazine "The Atlantic" e pubblicato negli Stati, il libro è a disposizione da pochi giorni anche in Italia, pubblicato da Cavallo di Ferro editore.

 

RIBALTAMENTO DELEL RELAZIONI – Nonostante il sesso maschile sia stato considerato, e da tempi immemori, il sesso forte – per quasi tutto il tempo in cui è esistita la civiltà, il patriarcato rafforzato dai diritti del maschio primogenito è stato il principio fondante, con rare eccezioni – all’interno del libro l’autrice fa notare come sia altrettanto vero che, almeno a partire dalla seconda metà del secolo scorso, il sesso femminile abbia intrapreso un cammino destinato a ribaltare le ormai antiche relazioni di potere uomo-donna.

IL NUOVO RUOLO DELLA DONNA – Dati alla mano e supportata da una solida e accurata documentazione – statistiche, interviste, ricerche – ne “La fine del maschio e l’ascesa delle donne” Hanna Rosin decreta il tramonto dell’era del testosterone e dell’uomo macho, delineando con estrema lucidità e chiarezza il nuovo ruolo della donna all’interno della società contemporanea. Più flessibile e capace di reinventarsi, il genere femminile avrebbe mostrato una capacità di adattamento superiore a quella dell’uomo, trasformando l’attuale crisi in un’opportunità. Oggi così la donna non solo avrebbe superato il sesso forte nella gestione del focolare domestico – ruolo a lei destinato fin dall’alba dei tempi -, ma anche e soprattutto nel lavoro e nella carriera. Insomma, il modo sostanzialmente diverso in cui donne e uomini guadagnano, apprendono, spendono, scelgono il partner e uccidono persino, avrebbe rovesciato la situazione generale.

 

SAGGIO DISINCANTATO – Quello dell’autrice non vuole essere l’ennesimo manifesto di stampo femminista, piuttosto un saggio disincantato e obiettivo sulle trasformazioni delle dinamiche fra i due sessi nei Paesi più avanzati. L’analisi della giornalista americana, senza il freno di preconcetti e ideologie, va dritta al cuore di un problema che coinvolge l’intera società e, lontana da facili settarismi, invita tutti a riflettere sul mondo in cui viviamo. Hanna Rosin lavora come giornalista presso la redazione di "The Atlantic" ed è una delle fondatrici del sito DoubleX, dedicato alle donne e alle questioni femminili, della rivista "Slate". Ha scritto per il "The New Yorker", il "The New York Times", "GQ", "The New Republic", e per il "The Washington Post". Nel 2010 ha vinto il National Magazine Award. Vive a Washington con il marito e tre figli.

 

10 marzo 2013

© Riproduzione Riservata
Commenti