LIBRI - Ricorrenze letterarie

”Guida Galattica per Autostoppisti’, le frasi più divertenti dal capolavoro di Douglas Adams

Oggi, 11 maggio, ricorre l'anniversario di morte di Douglas Adams, autore radiofonico, umorista e scrittore di fantascienza britannico, ricordato per l'indimenticabile saga di 'Guida Galattica per Autostoppisti'

Oggi, 11 maggio, ricorre l’anniversario di morte di Douglas Adams, autore radiofonico, umorista e scrittore di fantascienza britannico, ricordato per l’indimenticabile saga di ‘Guida Galattica per Autostoppisti’: il primo omonimo volume, pubblicato per la prima volta nel 1979, coniuga fantascienza, humor e intuizioni, affermandosi fin da subito come un vero cult del genere. Vogliamo ricordare Douglas Adams attraverso gli aforismi del suo romanzo più famoso. E ricordate: non fatevi prendere dal panico!

‘Lontano, nei dimenticati spazi non segnati nelle carte geografiche dell’estremo limite della Spirale Ovest della Galassia, c’è un piccolo e insignificante sole giallo. A orbitare intorno a esso, alla distanza di centoquarantanove milioni di chilometri, c’è un piccolo, trascurabilissimo pianeta azzurro–verde, le cui forme di vita, discendenti dalle scimmie, sono così incredibilmente primitive che credono ancora che gli orologi da polso digitali siano un’ottima invenzione.’
 
‘In molte delle civiltà meno formaliste dell’Orlo Esterno Est della Galassia, la Guida galattica per gli autostoppisti ha già soppiantato la grande Enciclopedia galattica, diventando la depositaria di tutto il sapere e di tutta la scienza, perché nonostante presenti alcune lacune e contenga molte notizie spurie, o se non altro alquanto imprecise, ha due importanti vantaggi rispetto alla più vecchia e più accademica Enciclopedia.
Uno, costa un po’ meno; due, ha stampate in copertina, a grandi caratteri che ispirano fiducia, le parole NON FATEVI PRENDERE DAL PANICO.’
 
‘C’è una teoria che afferma che, se qualcuno scopre esattamente qual è lo scopo dell’universo e perché è qui, esso scomparirà istantaneamente e sarà sostituito da qualcosa di ancora più bizzarro ed inesplicabile. C’è un’altra teoria che dimostra che ciò è già avvenuto.’
 
‘Il tempo è una illusione. L’ora di pranzo è una doppia illusione.’
 
‘A chiunque sia capace di farsi eleggere Presidente non dovrebbe essere permesso di assumere l’incarico.’
 
‘Questo pianeta ha –– o piuttosto aveva –– un problema, che era questo: la maggior parte della gente che ci vive era scontenta per la maggior parte del tempo. Furono suggerite molte soluzioni per questo problema, ma gran parte di esse erano basate sui movimenti di piccoli pezzi verdi di carta, il che è bizzarro, dato che, tutto considerato, non erano i piccoli pezzi verdi di carta ad essere scontenti.’
 
‘Ora, è così bizzarramente improbabile che una cosa straordinariamente utile come il pesce Babele si sia evoluta per puro caso, che alcuni pensatori sono arrivati a vedere in ciò la prova finale e lampante della non-esistenza di Dio. ‘Le loro argomentazioni seguono pressapoco questo schema: ‘Mi rifiuto di dimostrare che esisto’ dice Dio ‘perché la dimostrazione è una negazione della fede, e senza fede io non sono niente’. ‘Ma’ dice l’uomo ‘il pesce Babele è una chiara dimostrazione involontaria della Tua esistenza, no? Non avrebbe mai potuto evolversi per puro caso. Esso dimostra che Tu esisti, e dunque, grazie a questa dimostrazione, Tu, per via di quanto Tu stesso asserisci a proposito delle dimostrazioni, non esisti. Q.E.D. Quod Erat Demonstrandum.’ ”Povero me!’ dice Dio. ‘Non ci avevo pensato!’ e sparisce immediatamente in una nuvoletta di logica.’
 
‘Era chiaramente un uomo dalle molte qualità, anche se per lo più cattive.’
 
‘Se c’è in giro una cosa più importante del mio Io, dimmelo che le sparo subito.’
 
‘È importante e risaputo che le cose non sempre sono ciò che appaiono. Per esempio sul pianeta Terra gli uomini hanno sempre ritenuto di essere più intelligenti dei delfini. Sostenevano infatti che mentre loro avevano inventato un sacco di cose, come la ruota, New York, le guerre, ecc., i delfini non avevano fatto altro che sguazzare nell’acqua divertendosi. Al contrario invece, i delfini sapevano da tempo dell’imminente distruzione della Terra e avevano tentato più volte di avvertire l’umanità dell’incombente pericolo; ma i loro messaggi erano stati fraintesi e interpretati come divertenti tentativi di dare calci a palle da football o di fischiare per avere bocconcini prelibati. Così alla fine i delfini rinunciarono e se ne andarono dalla Terra coi propri mezzi, poco prima che arrivassero i vogon.’

11 maggio 2015

© RIPRODUZIONE RISERVATA

© Riproduzione Riservata
Commenti