LIBRI - ''La relazione'' di Camilleri

Grande successo per ”La relazione” di Andrea Camilleri, uno dei libri più venduti di questo inizio 2015

Uscito in libreria il 2 gennaio, pubblicato da Mondadori, “La relazione” segna il ritorno di Andrea Camilleri, questa volta senza la compagnia del suo protagonista per eccellenza, il commissario Montalbano...

A tre settimane dall’uscita, il nuovo lavoro dell’autore siciliano – questa volta senza Montalbano – si conferma come uno dei successi editoriali di questa prima parte dell’anno.  

 
MILANO – Uscito in libreria il 2 gennaio, pubblicato da Mondadori, “La relazione” segna il ritorno di Andrea Camilleri, questa volta senza la compagnia del suo protagonista per eccellenza, il commissario Montalbano. Al centro dell’ultima fatica letteraria dello scrittore siciliano le torbide vicende burocratiche legate una delicata relazione che potrebbe significare il commissariamento di un istituto bancario. A occuparsene, il protagonista Mauro Assante, un burocrate dell’authority preposta al controllo della trasparenza delle banche italiane. Il romanzo, a meno di un mese dalla sua uscita in libreria, ha già riscosso il successo cui Camilleri ci ha abituato: stabile nella classifica dei libri italiani, questa settimana si afferma sul podio dei libri più venduti, in compagnia del duo Gramellini – Gamberale e di Umberto Eco.

 
INTRECCI E BUROCRAZIA – Perché gli ingredienti per attirare il lettore in un vortice di tensione ci sono tutti: un crescendo hitchcockiano di indizi, di ombre, di piccole crepe quotidiane che lasciano intravedere un baratro vertiginoso. Camilleri dà vita a un romanzo ad altissima tensione, tutto giocato sul sottile confine che separa verità e apparenza, giustizia e torto, onestà e perdizione. Alla relazione burocratica si affianca (casualmente?) anche quella enigmatica tra un uomo e una donna. Le oscure vicende bancarie e le altrettanto oscure vicende sentimentali finiscono per  intrecciarsi in un romanzo più che mai attuale, ma che è al tempo stesso la parabola di un uomo solo di fronte a un compito più grande di lui, forse onesto, ma circondato dall’invisibile ragnatela della corruzione.

 

 
21 gennaio 2015

 
© RIPRODUZIONE RISERVATA

© Riproduzione Riservata
Commenti