Sei qui: Home » Libri » Librerie » Giuseppe Puma, ”In 25 anni Casa Giara ha dato voce ai protagonisti della cultura siciliana”

Giuseppe Puma, ”In 25 anni Casa Giara ha dato voce ai protagonisti della cultura siciliana”

Dare spazio e voce a musicisti, attori, presidenti di associazioni culturali siciliane, giornalisti, autorità che contraddistinguono una terra, la Sicilia, dalle due facce: accogliente da un lato, crudele dall’altra. È questo il frutto di 25 anni di impegno nella promozione della cultura locale da parte di Giuseppe Puma...

Il presidente dell’Associazione Culturale e Musicale Casa Giara di Marina di Modica, in Sicilia, racconta la serata che ha celebrato i 25 anni dalla nascita dell’associazione culturale

MILANO – Dare spazio e voce a musicisti, attori, presidenti di associazioni culturali siciliane, giornalisti, autorità che contraddistinguono una terra, la Sicilia, dalle due facce: accogliente da un lato, crudele dall’altra. È questo il frutto di 25 anni di impegno nella promozione della cultura locale da parte di Giuseppe Puma, poeta e presidente dell’Associazione Culturale e Musicale Casa Giara di Marina di Modica. Puma racconta la serata del 18 agosto, nel corso della quale si sono celebrati i 25 anni dalla nascita dell’associazione culturale, e anticipa ciò di cui si parlerà nel corso del prossimo appuntamento con i venerdì letterari.

Come si è svolta la serata di celebrazione dei 25 anni di Casa Giara?
 E’ stata una grande festa per Casa Giara. Nei cortili c’erano circa 350 persone, tra cui molte autorità locali e presidenti di associazioni operanti in Lombardia ma di origine siciliana. Tutti insieme per festeggiare i 25 anni di attività cultuale di Casa Giara. Erano presenti sindaco e vicesindaco del Comune di Modica, alcuni assessori della giunta comunale, 28 tra i 150 personaggi più significativi che sono passati in questi anni da Casa Giara; musicisti, attori, presidenti di associazioni culturali siciliane, giornalisti, autorità.


Nel corso della serata, è stata consegnata la Giara D’Argento. A chi è andata?

La Giara d’Argento è andata proprio a queste 28 persone, tra cui il Presidente di Sicilia Mondo, di Catania, il Presidente dei Ragusani nel Mondo, l’Onorevole Franco Antoci. Nel corso della serata, si sono esibiti due gruppi: il Piccolo Teatro di Modica e il gruppo folkloristico Muorika Mia, i quali hanno presentato tutti gli aspetti, positivi e negativi, della Sicilia, sia teatralmente che musicalmente. E’ stato uno spettacolo meraviglioso, ci siamo divertiti e allo stesso tempo è stato possibile riflettere su alcuni avvenimenti tristi come la morte di Don Puglisi e di Giovanni Falcone. Una serata all’insegna della musica, del teatro, con ricordi belli e brutti di una Sicilia dalle due facce: da un lato accogliente e d’amore, dall’altro invece crudele. Dopo la consegna dei premi, il Sindaco di Modica ha tenuto un intervento molto importante, promettendo che gli appuntamenti di Casa Giara continueranno anche i prossimi anni nonostante alcune difficoltà economiche, portando avanti gli eventi del mese d’agosto ed i venerdì letterari.


A proposito dei venerdì letterari di Casa Giara, di cosa si parlerà nel prossimo appuntamento?

Per quanto riguarda il prossimo appuntamento con i venerdì letterari, presenteremo “Karibu Africa”, il libro-documentario realizzato da un fotoreporter di Modica, Guido Cicero, il quale  è stato in Africa per fotografare tutti gli aspetti, positivi e negativi, della vita nel Congo. Guido cicero ha inoltre raccolto alcune testimonianze di vita all’interno di un bellissimo diario, che verrà letto nel corso della serata dall’attore Giorgio Sparacino, con le immagini che si susseguiranno nel corso della lettura. Alcune di queste immagini ,saranno abbinate a tre poesie che tre poeti locali, tra cui il sottoscritto, reciteranno a questo evento. Abbiamo anche invitato il Ministro dell’Integrazione, speriamo che possa presenziare alla serata.

20 agosto 2013

© RIPRODUZIONE RISERVATA

© Riproduzione Riservata
Commenti
Precedente

Marie Hald, ”Curiosità e sintonia con i propri soggetti sono le regole fondamentali per un buon reportage”

Il Premio Campiello cambia volto in tv

Successivo

Lascia un commento