Giornata contro la violenza sulle donne, i 10 libri da leggere

Nel 2013, in Italia, sono state uccise 128 donne. Vittime di mariti, amanti, semplici conoscenti. Oggi, 25 novembre, è la giornata mondiale contro questa violenza. Per non dimenticare le morti assurde. Per sensibilizzare al problema. Per dire a gran voce: “Basta!”...

MILANO – Nel 2013, in Italia, sono state uccise 128 donne. Vittime di mariti, amanti, semplici conoscenti. Oggi, 25 novembre, è la giornata mondiale contro questa violenza. Per non dimenticare le morti assurde. Per sensibilizzare al problema. Per dire a gran voce: “Basta!”. Nel nostro paese e nel mondo sono tantissime le iniziative dedicate a questa giornata. Noi vogliamo contribuire a modo nostro, con dei consigli di lettura. La letteratura su questo argomento si sta arricchendo – si va dai saggi che studiano il fenomeno in chiave sociale e culturale, ai libri-inchiesta che raccolgono le testimonianze di chi ha vissuto una violenza. Ma anche i romanzi, senza un’esplicita chiave didattica o esplicativa, possono fornire spunti di riflessione e arricchire chi li legge. E’ proprio questo genere che consigliamo di leggere.

Regina nera. La giustizia di Mila di Matteo Strukul – Il malridotto cadavere di una ragazza, a cui hanno cavato gli occhi, viene ritrovato in un bosco del Trentino, mentre Laura Giozzet, prima candidata premier italiana, viene ridotta in fin di vita da qualcuno che non ci sta a dar potere a una signora. Mila Zago, cacciatrice di taglie per un’agenzia di sicurezza segreta, ha l’incarico di catturare il responsabile dell’omicidio. Nel trascinante romanzo di Strukul le donne sono vittime che subiscono sopraffazione e violenze ma, attraverso il personaggio della protagonista, sono anche quelle in grado di fare giustizia.

La parrucchiera di Kabul di Deborah Rodriguez – Partita per Kabul al seguito di una missione umanitaria, Deborah Rodriguez, parrucchiera americana, è stata tra le fondatrici della prima scuola per estetiste della capitale afghana: un progetto nato per dare alle donne un mezzo di indipendenza economica e un’opportunità di riscatto. Ora ha deciso di raccontare in un libro la sua esperienza e le drammatiche testimonianze di vita delle sue allieve. Perché nell’intimità del salone, libere dal burqa e dal controllo degli uomini, le donne hanno trovato uno spazio tutto per sé, dove, tra risate e confidenze, sono nate complicità inaspettate, amicizie capaci di superare le barriere tra Oriente e Occidente.

Trauma di Camilla Grebe, Åsa Träff – Un romanzo per raccontare l’universo della violenza tra le mura domestiche. Tilde ha cinque anni e si trova sotto il tavolo della cucina, mentre osserva la mamma che sbriga le faccende di casa. Arrivano dei colpi alla porta, sempre più intensi, e in pochi minuti la piccola si rende testimone del brutale assassinio della madre. Nella stessa città la psicoterapeuta Siri Bergman e la sua collega Aina seguono in un progetto sperimentale un gruppo di donne vittime di storie di amori violenti, brutali, degradanti. I destini di Tilde e delle due dottoresse si intrecciano, insieme a quelli delle altre donne, e prende vita un comune sforzo per trovare l’assassino, ma anche un modo per mettere a tacere la sete di giustizia e rinascita.

E se siete lettori insaziabili e il tema di questi consigli vi ha coinvolto e interessato particolarmente, ecco qualche altro titolo:

Le prede. Nell’harem di Gheddafi di Annick Cojean

La principessa schiava di Jacqueline Pascarl 

Lividi. Storie di donne ferite di Laura Romano

Leggere Lolita a Teheran di Azar Nafisi

Le vendicatrici di Massimo Carlotto

Con il sari rosa di Sampat Pal

Mia per sempre di Cinzia Tani

Roberta Turillazzi

25 novembre 2013

© RIPRODUZIONE RISERVATA

© Riproduzione Riservata
Commenti