Libri e infanzia

Flashbook senza stereotipi, il primo Flashmob dedicato alla letteratura per l’infanzia

Il primo Flashmob dedicato alla letteratura per l’infanzia. Parliamo di Flashbook – letture a ciel sereno, Promosso dall’associazione MaMi – Mamme a Milano, insieme al blog e gruppo Facebook...

MILANO – Il primo Flashmob dedicato alla letteratura per l’infanzia. Parliamo di Flashbook – letture a ciel sereno, Promosso dall’associazione MaMi – Mamme a Milano, insieme al blog e gruppo Facebook Libri e Marmellata e al gruppo e pagina Facebook Letteratura per l’infanzia.

NON TENERE I LIBRI CHIUSI – Un’iniziativa che nasce in seguito a quanto accaduto a Venezia e in sostegno a Camilla Seibezzi, la quale si è vista bocciare direttamente dal sindaco Orsoni l’idea di distribuire in dieci asili nido e in 36 scuole dell’infanzia libri di favole in cui si parla di diverse forme familiari. Il flashmob quindi non poteva proprio “tenere i libri chiusi”, così lancia l’evento e l’hashtag Flashbook senza stereotipi (#flashbooksenzastereotipi).

COMBATTERE LE DISCRIMINAZIONI – L’iniziativa nasce in appoggio al progetto, Leggere senza stereotipi promosso e lanciato dall’Associazione Scosse, di cui Flashbook condivide il pensiero che la lettura sia uno dei modi più giusti per combattere le discriminazioni fin dalla tenera età. “Nelle fiabe ci sono personaggi, si raccontano storie ed è bello e utile che si presentino realtà diverse tra loro, perché ognuno possa sentirsi un po’ rappresentato e raccontato. Senza clamori, la diversità ci riguarda tutti, ed è sempre un valore. Imparare ad accettarla e ad accettare che ognuno possa indossare una ‘diversa diversità’ è importante e questa consapevolezza va condivisa anche con i bambini” è ciò che dichiara Renata Guizzetti fondatrice dell’Assocazione MaMi e promotrice dell’iniziativa “Fiocco Rosa, Fiocco Blu – educare alla parità contro gli stereotipi di genere”.

LETTURA DI QUALITA’ – Flashbook ha sempre avuto come obiettivo quello di sensibilizzare le famiglie a una lettura di qualità, perché, come spiega Federica Pizzi, autrice del blog Libri e marmellata: “Purtroppo girano libri di tutti i tipi e a volte, se i bambini non si appassionano alla lettura, è proprio perché non hanno incontrato i libri giusti’. Aggiunge Angela Articoni del gruppo e pagina Facebook Letteratura per l’infanzia: “La letteratura rivolta ai piccoli, in particolare gli albi illustrati di qualità, possono stimolare bambini e bambine a ‘leggere’ la vita in modo libero e consapevole, senza pregiudizi e stereotipi, perché non esistono i modelli da seguire, esiste il rispetto e l’amore, in tutte le sue declinazioni.”

LEGGERE NON SOLO LA SERA – Così con Flashbook senza stereotipi l’idea è proprio quella di far circolare dei libri belli. A partire da oggi, 5 marzo (Giornata Mondiale della Letture ad Alta Voce) fino al 19 marzo (Festa del papà) educatori, animatori, genitori e tutti coloro i quali hanno a cuore la lettura si armano di libri per condividere con i più piccoli fiabe e racconti che insegnano loro a guardare oltre e spiegano che al mondo esistono tante belle e grandi famiglie. Una serie di incontri-lampo dedicati alla lettura “dal basso”, con appuntamenti sparsi in tutta Italia. I volontari leggeranno ad alta voce ovunque e in qualsiasi momento, perché come abbiamo sempre sostenuto, “Chi ha detto che ai bambini si può leggere solo la sera, prima di andare a dormire o che ci sia un luogo deputato alla lettura?”

TITOLI A TEMA – Flashbook propone una serie di titoli a tema “Leggere senza stereotipi”, i volontari ne scelgono uno (o più) e indicano dove e quando andranno a leggere il libro. Il team di Flashbook si occuperà di promuovere e pubblicizzare le letture ad alta voce in tutta la penisola, così che tutti possano organizzarsi per essere presenti e assistere ai #flashbooksenzastereotipi. A questo link è possibile trovare le informazioni su tutte le letture organizzate, aggiornate in tempo reale. A letture avvenuta, i volontari potranno raccontare la loro esperienza, condividendo sulla pagina le loro fotografie e i loro racconti, sempre aggiungendo il tag #flashbooksenzastereotipi.

5 marzo 2014

© RIPRODUZIONE RISERVATA

© Riproduzione Riservata
Commenti