Entra in classifica e conquista il podio il libro ufficiale dei One Direction

Sono tre le new entry presenti in classifica questa settimana, a partire dal libro ufficiale dei One Direction ''Where we are - Dove siamo arrivati'', che conquista immediatamente il terzo gradino del podio dietro agli inossidabili Khaled Hosseini e Joël Dicker...
“Where we are” si piazza terzo dietro a Hosseini e Dicker. Altri due i nuovi ingressi in classifica: “La vita non è in rima” di Luciano Ligabue ed “Expo 58” di Jonathan Coe
MILANO – Sono tre le new entry presenti in classifica questa settimana, a partire dal libro ufficiale dei One Direction “Where we are – Dove siamo arrivati”, che conquista immediatamente il terzo gradino del podio dietro agli inossidabili Khaled Hosseini e Joël Dicker. Entra in classifica all’ottavo posto Luciano Ligabue con “La vita non è in rima” e al nono Jonathan Coe con “Expo 58”. 
Where we are – Dove siamo arrivati” è l’unico libro ufficiale dei 1D, e ripercorre gli ultimi diciotto mesi del loro viaggio – raccontando i posti in cui sono stati e le fan che hanno incontrato, i loro pensieri e le loro emozioni, le loro speranze e i loro sogni, gli alti e i bassi. Questi cinque ragazzi inglesi sono ormai un vero fenomeno. Hanno vinto decine di premi, in America il loro disco d’esordio è andato meglio di quello dei Beatles, hanno suonato al gigantesco Madison Square Garden di New York e al Royal Variety Performance davanti alla regina d’Inghilterra e i loro concerti hanno sempre fatto il tutto esaurito. Quest’anno arriverà al cinema il loro film “This is us” e partirà il nuovo tour Where We Are, 133 date sparse in tutto il mondo. In questo momento all’apice della fortuna, in “Where We are” i ragazzi si raccontano a cuore aperto e con le loro parole. Il libro è corredato da foto esclusive, scatti rubati nel backstage, appunti scritti a mano e nuove rivelazioni sul mondo dei cinque ragazzi.
“La vita non è in rima” è un libro pieno di spunti sorprendenti, che farà scoprire Luciano Ligabue a chi ancora non lo conosce bene, ma stupirà anche chi pensa di sapere già tutto di lui. “La vita non è in rima” vuol dire da un lato che i conti non sempre tornano, dall’altro che, per fortuna, non siamo costretti a vivere secondo uno schema precostituito. E anche questo libro ha uno schema libero. 
Al centro c’è la scrittura di Ligabue, in tutte le sue forme. Si parte dalle parole – delle sue canzoni, dei suoi libri, dei suoi film – e si arriva a parlare del suo modo di vedere il mondo. La lingua e il dialetto, la famiglia e la politica, il dolore, la speranza, l’arte, il calcio, il sesso, l’amore, l’amicizia, la memoria, la felicità di riuscire a sentirsi – anche solo per un momento – “leggero, nel vestito migliore, nella testa un po’ di sole ed in bocca una canzone”.  Dentro la scrittura di Ligabue c’è una scelta delle parole che rappresenta un punto di vista sulla vita. Ma soprattutto c’è tanta musica, che trasforma e amplifica il senso di ogni parola. Il libro contiene anche i testi inediti del nuovo attesissimo album commentati dallo stesso Ligabue.
L’ultima novità in classifica è “Expo 58” di Jonathan Coe, ambientato ai tempi dell’Exposition universelle et internationale de Bruxelles del 1958. La tensione politica tra la Nato e i paesi del blocco sovietico è al culmine. In piena Guerra fredda, dietro la facciata di una manifestazione che si propone di avvicinare i popoli della Terra, fervono operazioni d’intelligence in cui le grandi potenze si spiano a vicenda. Incaricato di sovrintendere alla gestione del pub Britannia nel padiglione inglese è un giovane copywriter del Central Office of Information di Londra, Thomas Foley, che si trova così catapultato al centro di un intrigo internazionale di cui diventa un’inconsapevole pedina. In un fuoco di fila di esilaranti colpi di scena, il racconto corre su due binari paralleli egualmente coinvolgenti: i turbamenti amorosi del giovane Thomas e una spy story che ci inchioda alle pagine, pervasa dal proverbiale umorismo di Coe. Una vicenda appassionante in cui l’autore inglese torna ad attingere alla ricca vena ironica dei suoi inizi.
1. Khaled Hosseini – E l’eco rispose – Piemme – € 19,90 
2. Joël Dicker – La verità sul caso Harry Quebert – Bompiani – € 19,50
3. AA. VV. – Where we are – Dove siamo arrivati – L’Ippocampo – € 16,90
4. Sophie Kinsella – Fermate gli sposi! – Mondadori – € 20,00 
5. E.L. James – Cinquanta sfumature di Rosso – Mondadori – € 5,00 
6. E.L. James – Cinquanta sfumature di Grigio – Mondadori – € 5,00 
7. E.L. James – Cinquanta sfumature di Nero – Mondadori – € 5,00 
8. Luciano Ligabue – La vita non è in rima – Laterza – € 14,00
9. Jonathan Coe – Expo 58 – Feltrinelli – € 17,00
10. Nicholas Sparks – La risposta è nelle stelle – Frassinelli – € 19,90
16 settembre 2013
© RIPRODUZIONE RISERVATA

© Riproduzione Riservata
Commenti