Sei qui: Home » Libri » Autori » E’ morto Tom Clancy, il re dei romanzi di spionaggio

E’ morto Tom Clancy, il re dei romanzi di spionaggio

Si è spento all’età di 66 anni Tom Clancy. Noto per aver inventato, assieme a Craig Thomas e a Michael Crichton, un nuovo genere letterario: il techno-thriller, Thomas Leo Clancy Jr. è autore di diversi libri che hanno ispirato diversi film e videogiochi...

MILANO – Si è spento all’età di 66 anni Tom Clancy. Noto per aver inventato, assieme a Craig Thomas e a Michael Crichton, un nuovo genere letterario: il techno-thriller, Thomas Leo Clancy Jr. è autore di diversi libri che hanno ispirato diversi film e videogiochi.

 

LEGAME CON IL MONDO MILITARE – Nato a Baltimora il 12 aprile 1947, Tom Clancy fin dall’infanzia si è affezionato al mondo militare, tendando pure la carriera, preclusa a causa della sua forte miopia. Ha quindi servito nel ROTC della Johns Hopkins University di Baltimora. Dopo l’esperienza da assicuratore, a 29 anni ascoltò la notizia di una fregata sovietica che in Svezia aveva tentato la diserzione, fatto che ha ispirato il suo primo libro: La grande fuga dell’Ottobre Rosso, pubblicato nel 1984, da cui successivamente è stato tratto il film Caccia a Ottobre Rosso diretto da John McTiernan, dando inizio ad una lunga serie di film tratti dai suoi romanzi, tutti caratterizzati dalla peculiare abilità di Clancy nel descrivere avvenimenti di fanta-politica con molti e precisi dettagli tecnici.

DAI LIBRI AI VIDEOGAMES – Tom Clancy è stato famoso per aver immaginato nei suoi libri alcuni fatti terroristici poi accaduti realmente, come nel caso del libro del 1994 “Debiti d’onore”, la cui trama ricorda l’attentato dell’11 settembre. autore di best-seller di fama mondiale, si è distinto nel mondo dei videogiochi per le sue sceneggiature, che hanno dato vita a saghe come Rainbow Six, Splinter Cell e Ghost Recon.

2 ottobre 2013

© RIPRODUZIONE RISERVATA

© Riproduzione Riservata
Commenti
Precedente

Più dai, più hai

Addio allo scrittore e critico Aldo Rosselli, morto ieri a Roma

Successivo

Lascia un commento