Del Vecchio editore, le novità in libreria per il 2014

Come anticipato nell’intervista con la direttrice editoriale Paola Del Zoppo, Del Vecchio editore punta ad una proposta assolutamente libera e indipendente, contro la banalizzazione del mercato e volta ad offrire libri che invitano il lettore a mettere in gioco tutte le sue capacità di giudizio e comprensione. Ecco quindi i principali titoli in uscita da gennaio a marzo della casa editrice...

Ecco i principali titoli in uscita da gennaio a marzo per conto della casa editrice guidata da Paola Del Zoppo

MILANO – Come anticipato nell’intervista con la direttrice editoriale Paola Del Zoppo, Del Vecchio editore punta ad una proposta assolutamente libera e indipendente, contro la banalizzazione del mercato e volta ad offrire libri che invitano il lettore a mettere in gioco tutte le sue capacità di giudizio e comprensione. Ecco quindi i principali titoli in uscita da gennaio a marzo della casa editrice.

L’ESILIO IN VERSI – L’esperienza dell’esilio e il coraggio della scrittura in uno dei più grandi scrittori del Novecento. Curato e tradotto da Nadia Centorbi, arriva dal 15 gennaio in libreria “Mi rifiuto di scrivere un necrologio per l’uomo”, una raccolta di poesie di Hans Sahl. Nel 1923, a soli 21 anni, Sahl pubblicò la sua prima poesia sulla famosa rivista “Die Weltbühne”, attirando l’attenzione di critici e pubblico. Nel 1941 la raccolta “Le notti chiare” uscì per un editore di New York e fece sensazione: un emigrante che riusciva a pubblicare un volume di poesie negli Stati Uniti, e per giunta in tedesco! Sahl era stato costretto a fuggire dalla Germania nel 1933 a causa delle persecuzioni naziste, ed era approdato negli Stati Uniti, dove visse e lavorò come scrittore, critico, sceneggiatore e corrispondente da New York per diversi quotidiani e riviste fino al 1989, guadagnandosi la fama di scrittore fondamentale del secolo in particolare grazie alle sue poesie. Tornato in Germania negli ultimi anni della sua vita, si spense a Tubinga nel 1993. Nei versi di Sahl riecheggiano i momenti bui del Ventesimo secolo e la dolorosa esperienza dell’esilio, rielaborati celebrando il coraggio, la tenacia, la forza necessaria all’elaborazione e la potenza della parola poetica.

I PASSANTI – Uscirà il 13 febbraio “I passanti”, opera dello scrittore francese Laurent Mauvignier, uno degli scrittori francesi più apprezzati dal pubblico e dalla critica. Come nei primi due romanzi di Laurent Mauvignier, Lontano da loro e La camera bianca, anche ne I passanti, i monologhi in prima persona ruotano intorno a un evento drammatico e doloroso: lo stupro subito da Claire, che però non viene mai nominato. Mauvignier preferisce definirlo per confine, tramite la descrizione di due vite di solitudine e sofferenza narrate a voci alterne: da una parte la vicina di casa e amica di Claire e dall’altra l’uomo che ha violentato Claire una sera di ritorno dalla piscina. Entrambi costruiscono la propria immagine a partire dall’evento drammatico dello stupro. Mauvignier utilizza da maestro il cesello del linguaggio per intagliare due figure, il colpevole e l’amica della vittima, contrassegnate da un infinito senso di inadeguatezza, soffocate dalla solitudine e dalla mancanza di senso, che nella distanza dal mondo si fanno sempre più vicine.

STORIE INFINITE – Definito “il rivoluzionario silenzioso della letteratura”, Burhan Sönmez arriva in libreria dal 26 febbraio con “Gli innocenti”, un romanzo romantico e filosofico al tempo stesso, che racconta l’esperienza dell’esilio sia come allontanamento forzato dalla propria terra per motivi politici, sia come esilio dalla propria identità di bambino, autentica perché incontaminata. Protagonisti un uomo e una donna, ognuno di loro porta con sé un segreto e un peccato. Esilio, costrizione, sofferenza, amore e fiaba in un unico coinvolgente romanzo di storie infinite, tra le pianure di Haymana, Teheran e Cambridge.

ROMANZO CORALE – Un romanzo a più voci, dieci grandi narratori per un esperimento letterario intrigante: esce il 19 marzo “Le verità imperfette”, autori Luigi De Pascalis, Maurizio De Giovanni, Roberto Riccardi, Marco Vichi, Giampaolo Simi, Massimo Mongai, Errico Passaro, Nicola Verde, Luigi Cecchi, Maria Bellucci. Maria Letizia Pomarici, 25 anni, commessa in un negozio di calzature del centro, rientra a casa e trova la coinquilina Chiara Maffei, studentessa di filosofia introversa e problematica, impiccata nuda al tubo del termosifone. omicidio o suicidio? Il magistrato inquirente, la dottoressa Michela Martelli, è una donna sui quarant’anni, dalla vita solitaria e complicata. Ha sofferto in gioventù dello stesso disturbo di Chiara Maffei e, più per compassione che per convinzione, decide di far fare delle indagini che affida al maresciallo dei CC Antonio Corsetti con cui è solita collaborare. Dieci voci e dieci personaggi conducono il lettore a diverse possibili verità sul caso Pomarici, svelando di volta in volta un retroscena, un punto di vista, uno sviluppo. 

LA VERA STORIA DI GIOVANNA D’ARCO – Un romanzo grandioso sulla ribellione, il coraggio e il desiderio dell’anima, una storia che diventa viva mentre si racconta. Parliamo di “Johanna”, il nuovo romanzo di Felicitas Hoppe dal 26 marzo in libreria. L’autrice sceglie di rimontare i verbali originali del processo a Giovanna d’Arco, ma senza scrivere un romanzo su Giovanna d’Arco. Nel 1412 a Domrémy nasce la figlia di due contadini. Neanche vent’anni dopo brucerà sul rogo come eretica. Oggi, una giovane studentessa alle soglie dell’esame di dottorato ne racconta i pensieri. Con lei, nell’universo frammentato della ricerca si muovono un professore senza nome e Peitsche (Frusta), una sorta di alter ego. Tutti e tre si occupano della Pulzella d’Orleans, il professore è uno specialista di incoronazioni, Peitsche è specializzato in copricapo e passa il tempo a costruire berretti di carta. Chi verbalizzò il “processo” di Giovanna, 500 anni prima, stava dietro pesanti tende. Non poteva vedere nulla, ma sentiva tutto, e in tal modo rese testimonianza. Quanto ne fossero consapevoli, non lo sapremo mai.

5 gennaio 2014

© RIPRODUZIONE RISERVATA

© Riproduzione Riservata
Commenti