LIBRI - L'autore israeliano ha inaugurato Bookcity

David Grossman, ”Ognuno di noi dovrebbe avere una persona che ci ricordi cosa significa essere buoni”

“Se uno di voi resta fuori, potrà rivolgersi a me”. Commenta con ironia lo scrittore israeliano David Grossman la consegna del Sigillo della città da parte del sindaco di Milano Giuliano Pisapia...

L’autore israeliano apre Bookcity 2014 e riceve il Sigillo della città di Milano da parte del Sindaco Pisapia

MILANO – “Se uno di voi resta fuori, potrà rivolgersi a me”. Commenta con ironia lo scrittore israeliano David Grossman la consegna del Sigillo della città da parte del sindaco di Milano Giuliano Pisapia, in un bagno di folla al teatro dal Verme. L’evento ha dato il via ufficialmente a Bookcity 2014.

LA FORZA DELLE PAROLE – L’autore di “Applausi a scena vuota” è stato insignito del prestigioso riconoscimento “Per quello che ha scritto, per il suo ruolo di messaggero di pace, di testimone di chi vuole un mondo più giusto, più uguale, dove non ci sia guerra”. Nel corso dell’incontro, Grossman ha discusso con il giornalista Edoardo Vigna sul tema La forza delle parole.Le parole possono avere una forza straordinaria, soprattutto in situazioni estreme, di tensione. Per questo vanno scelte e dosate con cura e precisione”.

L’IMPEGNO POLITICO – Oltre ai suoi romanzi, David Grossman è un autore impegnato, che nei suoi scritti ha analizzato ed approfondito la questione israelo-palestinese. Sostenitore della pace e del dialogo, Grossman si è da sempre battuto contro gli estremisti e i violenti di entrambe le fazioni, con un’attenzione particolare nei confronti dei palestinesi. “Nei miei libri ho sempre cercato di raccontare la verità che conosco, ma spesso la gente non vuole ascoltare. Per questo motivo può essere molto importante imparare a raccontare la verità utilizzando parole diverse”.

14 novembre 2014

© RIPRODUZIONE RISERVATA

© Riproduzione Riservata
Commenti