LIBRI - Consigli di lettura natalizi

Cosa leggere a Natale, ecco le strenne natalizie di Giunti Editore

Il Natale si avvicina e non c’è occasione migliore per una casa editrice per lanciare sul mercato i titoli su cui punta maggiormente: in questo articolo analizziamo le proposte di Giunti, che offre ai lettori interessanti occasioni di divertimento e riflessione.

MILANO – Il Natale si avvicina e non c’è occasione migliore per una casa editrice per lanciare sul mercato i titoli su cui punta maggiormente: in questo articolo analizziamo le proposte di Giunti, che offre ai lettori interessanti spunti di divertimento e riflessione.
 
Love Toys, di Valeria Benatti. Presentato in un simpatico cofanetto, accompagnato da un gadget irriverente – un rossetto vibrante –, l’autrice racconta una favola rosa dal lieto fine per niente scontato. Una lettura dedicata a tutte le donne e agli uomini desiderosi di comprenderle.
 
Quello che gli altri non vedono di Virginia Macgregor. Per un Natale più introspettivo, questo romanzo segue le sconclusionate vicende di personaggi bizzarri e insoliti, portando il lettore a riflettere sulle sempre attuali tematiche dell’onestà, dell’egoismo, della responsabilità e della riconoscenza.
 
Il pranzo di Mosè di Simonetta Agnello Hornby. Dal menù alle ricette segrete di famiglia, dalla preparazione della tavola all’accoglienza e al commiato, il libro illustra l’arte di mettere ogni ospite a proprio agio secondo le tradizioni della famiglia Mosè, nell’incantata atmosfera delle estati siciliane.
 
Se chiudo gli occhi di Simona Sparaco. Un romanzo sulla forza dell’amore, della verità, del perdono. Un viaggio potente, ammaliante e magico, alla ricerca di sé e delle proprie origini per superare gli anni del silenzio, affrontare le paure più profonde. E perdonare.
 
Mare d’inverno di Grazia Verasani. Un romanzo sull’amicizia tra donne, un Grande Freddo al femminile con un’ironia alla Almodóvar.  Le verità gridate e quelle nascoste, i sentimenti messi a nudo: l’intenso legame che unisce due donne. Insieme forse troveranno la forza di andare avanti più consapevolmente, senza paura della solitudine.
 
Amori miei e altri animali di Paolo Maurensig. Una storia “di amori”. L’autore presenta una serie di episodi della sua vita indissolubilmente intrecciati alla presenza, a volte discreta a volte invadente, sempre coinvolgente, dei suoi insostituibili compagni di viaggio. Cani, gatti e altri animali, protagonisti di una narrazione degli affetti: presenze silenti ma innamorate, creature senza il dono della parola ma sempre capaci di comunicare.
 
Ragazzi Cattivi a cura di don Claudio Burgio e Domenico Zingaro. Sette storie vere raccontate in prima persona dai “cattivi ragazzi” di Kayròs, la comunità di accoglienza fondata e diretta da don Burgio. Storie che si leggono con la tensione della fiction, e che sono invece drammaticamente vere. Adolescenti lontani per provenienza e carattere ma accomunati dall’esperienza della violenza e dalla disperazione. Elementi a rischio, bulli, delinquenti minorili: ragazzi di strada che, per Don Burgio, sono ragazzi e basta.
 
17 dicembre 2014
 
© RIPRODUZIONE RISERVATA

© Riproduzione Riservata
Commenti